Blitz quotidiano
powered by aruba

Casa: meno tasse se compri (anche se non vendi la vecchia)

ROMA – Casa: meno tasse se compri la nuova (e non vendi la vecchia). Se acquisti un nuovo immobile, grazie alle agevolazioni previste dalla legge di Stabilità, il Fisco sarà più clemente con risparmi consistenti. Per esempio l’agevolazione per chi compra da un privato e vende entro un anno la casa che possedeva già. Basta un semplice calcolo (tabella del Corriere della Sera a corredo dell’articolo di Gino Pagliuca). Se il proprietario di un immobile classe A/2 di 120 mq a Roma avrebbe pagato 12.095 euro di imposte sulla seconda casa (quella rimasta sul groppone) prima della legge, oggi pagherà solo 3.162 euro di imposte.

L’altra agevolazione riguarda l’acquisto di prima abitazione direttamente dal costruttore: infatti l’Iva è oggi fissata al 4%, non al 10% che si applica alle seconde case non di lusso. Aliquota che si applica sul prezzo reale e non sul valore catastale: per cui su una casa da 200mila euro si possono risparmiare 12mila euro (con Iva a 8mila euro invece che a 20mila).

Prima casa, i requisiti per le agevolazioni. L’immobile abitazione non deve appartenere alle categorie catastali A/1, A/8, A/9; chi compra deve stabilire la residenza nel comune in cui si trova la casa entro 18 mesi; l’agevolazione vale anche se si risulta proprietari di un’abitazione comprata con agevolazione fiscale purché la si rivenda entro un anno e questa facilitazione vale anche se l’immobile posseduto è nello stesso comune in cui si trova l’abitazione nuova, ma solo purché a suo tempo sia stata acquisita con agevolazioni.

 

Metà dell’Iva recuperata in 10 anni. Metà dell’Iva può essere recuperata in sede di detrazione Irpef nell’arco di 10 anni se l’immobile appartiene alle classi energetiche A eB (praticamente tutte le nuove). Su una casa in posizione centrale di 120 mq, il recupero di imposta vale 1638 euro all’anno a Milano, 1540 euro a Roma.