Blitz quotidiano
powered by aruba

Cina. Rassicurazioni su economia, no a yuan debole

Il governatore della Banca centrale cinese Zhou Xiaochuan scende ancora in campo e poche settimane dopo il G20 di Shanghai torna a rassicurare sullo stato di salute dell'economia. Il Paese, dice, è in grado di raggiungere i target di crescita fissati per il 2016 (pari al 6,5-7%) e di non vedere ragioni per svalutare lo yuan al fine di rilanciare l'export in difficoltà.

CINA, PECHINO -Il governatore della Banca centrale cinese Zhou Xiaochuan scende ancora in campo e poche settimane dopo il G20 di Shanghai torna a rassicurare sullo stato di salute dell’economia.

Il Paese, dice, è in grado di raggiungere i target di crescita fissati per il 2016 (pari al 6,5-7%) e di non vedere ragioni per svalutare lo yuan al fine di rilanciare l’export in difficoltà.

Zhou, in occasione della conferenza stampa annuale legata ai lavori del Congresso Nazionale del Popolo, è l’ultimo dei massimi esponenti cinesi a provare a calmare i mercati finanziari globali sulla stabilità delle seconda economia al mondo.