Economia

Congedo di paternità: erano quattro giorni, si torna a due. Governo non finanzia i due facoltativi

Congedo di paternità: erano quattro giorni, si torna a due. Governo non finanzia i due facoltativi

Congedo di paternità: erano quattro giorni, si torna a due. Governo non finanzia i due facoltativi

ROMA – Congedo di paternità: erano quattro giorni, si torna a due. Governo non finanzia i due facoltativi. Passo del gambero del governo sui congedi di paternità: fino all’anno scorso erano quattro i giorni, due obbligatori e due facoltativi, da oggi torneranno a essere solo due, quelli obbligatori. “La misura non è stata prorogata”, ha annunciato l’Inps nel messaggio n. 1581 del 10 aprile (qui il testo integrale). Ne consegue che  il congedo facoltativo per i padri lavoratori dipendenti può essere fruito nei primi mesi del 2017 (entro il consueto termine di 5 mesi solamente per eventi parto, adozione e affidamento avvenuti nel 2016).

L’estensione del congedo di paternità con l’aggiunta dei due giorni facoltativi (con taglio corrispettivo ed equivalente di due giorni da quello delle madri) era stata introdotta in via sperimentale dalla riforma del mercato del lavoro del 2012 ed è stata prorogata per il 2016 con la legge di Stabilità. Con l’ultima legge di bilancio si è certificata la retromarcia.

Nonostante le promesse e gli impegni in vista di un riequilibrio della parità di genere, l’Italia resta fanalino di coda per le iniziative in grado di garantire più tutela alle donne per le quali la maternità rappresenta ancora un ostacolo alla piena realizzazione professionale e lavorativa. In Danimarca, per fare qualche confronto in Europa, i papà stanno a casa due settimane, in Francia 11 giorni, 3 più 10 facoltativi in Belgio.

To Top