Economia

Dichiarazione dei redditi 2017: tutte le detrazioni del 730

Dichiarazione dei redditi 2017: tutte le detrazioni del 730

Dichiarazione dei redditi 2017: tutte le detrazioni del 730

ROMA – Dichiarazioni dei redditi 2017: tutte le detrazioni del 730. Ci sono alcune novità per quanto riguarda le detrazioni che si possono inserire nella dichiarazione dei redditi di quest’anno: alcune tra queste sono il  bonus mobili per le giovani coppie che comprano casa o la detrazione IVA per l’acquisto di immobili di classe energetica A o B.

Vediamo dunque, con l’aiuto di quanto spiega il sito Piccole e medie imprese, che cosa cambia rispetto all’anno scorso. Ecco un elenco di tutte le detrazioni e deduzioni di cui si può godere nella dichiarazione dei redditi di quest’anno.

San raffaele

LE NOVITA’:

  • Bonus mobili giovani coppie: è la detrazione del 50%, su un totale di spesa fino a 16mila euro, sulle spese per l’acquisto dei mobili da parte di giovani coppie (in cui almeno uno dei due partner non ha più di 35 anni) che hanno comprato la prima casa;
  • detrazione al 50% sull’IVA pagata nel 2016 per acquisto di una casa di classe energetica A o B;
  • leasing prima casa: detrazione al 19% sul canone di leasign prima casa per i contribuenti con un reddito fino a 55mila euro;
  • dispositivi multimediali: detrazione del 65% delle spese sostenute nel 2016 per l’acquisto, installazione e messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento e/o produzione acqua calda e/o climatizzazione delle unità abitative.

LE SPESE CON DETRAZIONE AL 19%: 

  • Spese sanitarie: la detrazione si applica poi solo sulla parte che supera 129,11 euro. L’elenco delle patologie esenti da segnare si può consultare sul sito del ministero della salute;
  • spese sanitarie per familiari non a carico affetti da patologie esenti: non possono superare i 6mila 197,48 euro. Anche qui si calcola la detrazione sulla parte eccedente 129,11 euro;
  • spese sanitarie per persone con disabilità: si tratta delle spese per i mezzi necessari all’accompagnamento, deambulazione, locomozione e sollevamento, e per i sussidi tecnici e informatici che facilitano l’autosufficienza e l’integrazione. La detrazione si applica all’intero importo;
  • spese veicoli per persone con disabilità: si applica a motoveicoli e autoveicoli, anche se prodotti in serie e adattati in funzione delle limitazioni permanenti alle capacità motorie delle persone con disabilità, e agli autoveicoli, anche non adattati, per il trasporto dei non vedenti, sordi, persone con handicap psichico o mentale di gravità tale da avere determinato il riconoscimento dell’indennità di accompagnamento, invalidi con grave limitazione della capacità di deambulazione e persone affette da pluriamputazioni. Il limite di spesa è pari a 18mila 075,99 euro, l’agevolazione spetta con riferimento a un solo veicolo, che deve essere utilizzato in via esclusiva o prevalente a beneficio della persone con disabilità. Si può rateizzare in quattro rate di pari importo;
  • spese per l’acquisto di cani guida: spetta per l’intero importo della spesa sostenuta, una sola volta ogni quattro anni, a meno che non si verifichi un caso di perdita del cane guida;
  • spese sanitarie per le quali si richiede la rateizzazione nella precedente dichiarazione: riguarda i contribuenti che hanno sostenuto negli anni precedenti (dal 2012 al 2015) spese per importo superiore a 15mila 493,71 euro e hanno scelto la rateizzazione;
  • interessi mutui ipotecari prima casa: si indica l’importo di interessi passivi, oneri accessori, quote di rivalutazione pagate nel 2016, a prescindere dalla scadenza della rata. Se il mutuo è intestato a più persone, ogni cointestatario usufruisce della detrazione per la propria quota.
To Top