Economia

Electrolux, Ferrario: “In Italia costo del lavoro quadruplo rispetto alla Polonia”

Electrolux, Ferrario: "In Italia costo del lavoro quadruplo rispetto alla Polonia"

Electrolux, Ferrario: “In Italia costo del lavoro quadruplo rispetto alla Polonia”

ROMA, 29 GEN – Ernesto Ferrario, ad di Electrolux Italia, smentisce il dimezzamento dei salari e dichiara la volontà di cercare una riduzione del costo di lavoro: “In sede sindacale abbiamo chiesto una riduzione del costo del lavoro di 3 euro l’ora e il contenimento delle dinamiche inflattive. Non ci interessa quale possa essere lo strumento che permetta di tagliare il costo del lavoro di questa entità. L’importante è che si faccia”. Poi il top manager apre all’ipotesi del mantenimento del polo di Porcia “ma servono riforme radicali”.

Zanonato a Radio 24 ha rassicurato: “È diventato uno sport nazionale scaricare i problemi sulle spalle degli altri”. E poi ha aggiunto: “Le nostre aziende sono in difficoltà per la presenza di nuovi produttori che lavorano con costi di produzione inferiori. Ci siamo offerti per trovare una soluzione e mantenere la produzione in Italia. Anche Porcia rimarrà aperto”. 

Ferrario ha poi aggiunto: “Le produzioni – sostiene il top manager lombardo – di lavatrici polacche di Samsung, Lg e Beko hanno alzato l’asticella della competitività a livelli insostenibili. Producono a sei euro l’ora, con il risultato che le produzioni di lavatrici in Italia resistono solo a Porcia per Electrolux e a Comunanza per Indesit”. Aggiungendo che “i tagli al costo del lavoro del 10% sono relativi alle 6 ore di lavoro più le 2 di ammortizzatori sociali. Alla fine 130 euro al mese. Abbiamo un grande problema di costo del lavoro in Italia che va risolto. Anche con interventi diversi fino a ridurre o, se possibile, annullare conseguenze sui salari”.

“Prendo atto dell’iniziativa del Governatore – risponde Ferrario –, ma quelli sono fondi il cui utilizzo non dipende dalla Regione Friuli. A noi serve tagliare in misura strutturale il costo del lavoro: quello medio varia da 20 a 25 euro e con gli automatismi contrattuali salirà fino a 27 euro. Il quadruplo della Polonia”.

“Negli Stati Uniti – conclude Ferrario – hanno creato delle zone economiche speciali dove il salario orario è di 15 dollari l’ora. E grazie a questo hanno fatto rientrare dalla Cina intere produzioni. Ma anche in Spagna si è tagliato il costo del lavoro del 15% e persino nel Regno Unito il costo del lavoro è inferiore all’Italia”.

 

To Top