Economia

Fincantieri, Francia nazionalizza Stx: “Cantieri diventano dello Stato”

Fincantieri, Francia nazionalizza Stx: "Cantieri diventano dello Stato"
Fincantieri, Francia nazionalizza Stx: "Cantieri diventano dello Stato"

Fincantieri, Francia nazionalizza Stx: “Cantieri diventano dello Stato”

PARIGI – La Francia fa dietrofront: ha esercitato il diritto di prelazione su Stx e ha nazionalizzato i cantieri. Dopo l’annuncio del ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire salta l’accordo con Fincantieri, che sprofonda in borsa e al momento non rilascia alcun commento.

L’annuncio del ministro è arrivato il 27 luglio durante una conferenza stampa a Parigi. La Francia ha sottolineato di voler difendere i propri interessi strategici del proprio Paese e che martedì 1° agosto Le Maire sarà a Roma per discutere con i ministri italiani Padoan e Calenda:

“La decisione di esercitare il diritto di prelazione che abbiamo appena adottato è una decisione temporanea. Questa decisione deve darci il tempo di negoziare nelle migliori condizioni possibili la partecipazione di Fincantieri ai cantieri navali di Saint-Nazaire per costruire un progetto europeo solido e ambizioso. Non c’è nessun sospetto sui nostri amici italiani”.

Il ministro ha poi sottolineato la volontà di costruire un bel progetto industriale europeo con l’Italia e con Fincantier, ma ha sottolineato che ci sono delle sfide in termini di impiego, specificando che i cantieri di Saint Nazaire hanno “prospettive di lavoro per i prossimi 11 anni” e per questo la Francia vuole avere “tutte le garanzie” affinché le competenze di Stx “non partano un giorno verso un’altra potenza mondiale economica”.

L’obiettivo resta un “grande progetto industriale europeo” nel settore navale “con l’Italia”:

“Sono in contatto quotidiano con Padoan e Calenda, sono amici, poi ognuno difende legittimamente gli interessi del proprio Paese. Loro vogliono un controllo più stretto, noi pensiamo che 50-50 ci sembrava un buon accordo. Questo fa parte dei negoziati, fa parte della vita”.

To Top