Blitz quotidiano
powered by aruba

Flavio Cattaneo nuovo ad di Telecom Italia

MILANO – Flavio Cattaneo è il nuovo amministratore delegato designato per Telecom Italia. Il consiglio d’amministrazione ha scelto lui nella rosa di tre nomi proposta dai cacciatori di teste, gli headhunters del gruppo statunitense Korn Ferry sguinzagliati dal Comitato nomine.

 

In lizza con Cattaneo c’erano Renè Obermann e Tom Mockridge. Il primo, ex ceo di Deutsche Telekom e attuale partner del private equity Warburg Pincus sembrava rispondere alla perfezione all’identikit del presidente Giuseppe Recchi e del Comitato Nomine, presieduto da Davide Benello.

Anche il curriculum di Tom Mockridge non era da meno: ex ad di Sky Italia, dal 2003 al 2011 prima di sostituire Rebekah Brooks come ceo di News International. A giugno 2013 quando Virgin Media è stata acquisita dal gigante delle telecomunicazioni Liberty Global, controllato dal miliardario John Malone, Mockridge ne ha preso la guida.

La scelta invece è caduta sull’attuale numero uno di Ntv, la società di Italo principale concorrente di Trenitalia. L’ascesa manageriale di Cattaneo, legato ad Alleanza Nazionale, inizia con l’avvento alla guida di Fiera Milano. Da lì, scrive il quotidiano la Repubblica, nonostante la sua formazione di architetto e un passato come Dj in una radio locale, approda nel 2003 addirittura in Rai, dove rimane due anni come direttore generale.

A Cattaneo sono conferite “le responsabilità del governo complessivo della Società e del Gruppo, inclusa la responsabilità di definire, proporre al Consiglio di Amministrazione e quindi attuare e sviluppare i piani strategici, industriali e finanziari e tutte le responsabilità organizzative per garantire la gestione e lo sviluppo del business in Italia e in Sud America”.

Al presidente esecutivo Giuseppe Recchi risultano attribuite “l’identificazione delle linee guida di sviluppo del Gruppo, di intesa con l’amministratore delegato; la supervisione dell’elaborazione dei piani strategici, industriali e finanziari, della loro realizzazione e del loro sviluppo; la supervisione della definizione degli assetti organizzativi, nonché la supervisione in materia di Security e sulla società Telecom Italia Sparkle; la rappresentanza della Società e del Gruppo nei rapporti esterni con le Autorità, le Istituzioni italiane e internazionali e gli Investitori; la responsabilità organizzativa delle funzioni Brand Strategy and Media, Institutional Communication, Legal Affairs, Public Affairs, e Corporate Shared Value”.