Economia

In Pakistan cresce ceto medio: aumenta domanda beni di consumo

In Pakistan cresce ceto medio: aumenta domanda beni di consumo

In Pakistan cresce ceto medio: aumenta domanda beni di consumo

ISLAMABAD – Secondo la State Bank of Pakistan (la SBP), nel Paese asiatico il ceto medio sta rapidamente crescendo, come risulta dal costante aumento di domanda di beni di consumo, istruzione e salute. La banca centrale, nell’ultima relazione sullo stato dell’economia, ha dichiarato che la crescita del modello di consumo è indicativa di un’economia che sta sbocciando, come riportato dal Tribune.

“Diversi indicatori mostrano una crescente domanda dei consumi che includono un aumento dei finanziamenti, della vendita di beni durevoli, quali ad esempio automobili e apparecchiature elettroniche, e una forte crescita del consumo di carburante”, ha dichiarato la SBP. Tra i diversi parametri utilizzati per contare il numero di persone e famiglie del ceto medio, il più affidabile in un’economia è la spesa dei consumatori. Si tratta di un importante barometro.

Secondo l’economista Akbar Zaidi, il ceto medio pakistano negli ultimi 15-20 anni è cresciuto rapidamente anche sulla spinta dell’aumento di investimenti stranieri: “L’investimento estero, arrivato nel Paese dopo il 2002, ha avuto un effetto fruttuoso per migliaia di persone”, ha affermato Zaidi, aggiungendo che l’accresciuto accesso all’istruzione e una maggiore rappresentanza di persone nei partiti politici hanno rispecchiato la crescita del ceto medio.

San raffaele

Zaidi ha dichiarato che il ceto medio è spesso indicato nelle stime dei beni di consumo acquistati, che vanno dalle lavatrici ai motocicli. Inoltre, i tentativi di quantificare il ceto medio del Paese, in gran parte basati sul reddito e sull’acquisto di beni di consumo, mostrano che il 42% della popolazione appartiene al ceto alto e medio, e tra questi il 38% è considerato come ceto medio. “Se queste stime sono corrette, o anche indicative in senso ampio, allora 84 milioni di pakistani appartengono al ceto medio e alto, una dimensione della popolazione maggiore di quella della Germania”, ha osservato Zaidi.

Secondo Zaidi, il consumo interno e la fiducia dei consumatori, nel Paese sono particolarmente forti: “L’allentamento della politica monetaria e la riduzione dei prezzi dell’energia possono aumentare il reddito discrezionale delle famiglie e, in questo contesto, si può prevedere anche una valuta forte e stabile per aumentare la domanda di beni di consumo importati, sia di beni durevoli e non durevoli”.

“I prodotti durevoli come i frigoriferi (+ 25%) e i congelatori (+ 54,4%) hanno contribuito in modo decisivo al miglioramento. Inoltre, nei prossimi mesi, – ha aggiunto ancora Zaidi – l’aumento dell’approvvigionamento energetico, l’incremento del finanziamento dei consumi a basso tasso d’interesse, un mercato migliore per la popolazione agricola, piani espansionistici dei principali investitori esteri, indicano una traiettoria durevole nell’espansione futura dell’industria” ha concluso Zaidi.

To Top