Blitz quotidiano
powered by aruba

Luxottica, più soldi ai dipendenti che non si ammalano

BELLUNO –  Luxottica, più soldi nelle buste paga dei dipendenti. Il premio di produzione sale a 1.892 euro e altri 500 euro andranno a chi non fa “malattia”, spiega Damiano Tormen sul Gazzettino. Ma le novità non si fermano qui, perché arriva anche la “banca etica” con il monte ore totale dei dipendenti a cui può accedere chi ha dei familiari ammalati da accudire. Sono queste le colonne portanti del nuovo contratto integrativo siglato nei giorni scorsi tra Luxottica e i quasi 10mila dipendenti degli stabilimenti di Agordo, Sedico e Cencenighe, in provincia di Belluno.

 

PREMIO DI PRODUZIONE – I dipendenti degli stabilimenti della provincia di Belluno che raggiungeranno il premio di produzione incasseranno 1.892 euro in più in busta paga, oltre a 500 euro cash per chi non fa neanche un giorno di malattia. Dal bonus sono escluse le malattie gravi e alcune patologie particolari, ma anche gli interventi chirurgici e le convalescenze post-operatorie.

BANCA ETICA – Tra le novità del contratto integrativo c’è anche l’assenza per curare il genitore anziano o il coniuge malato. E se un dipendente ha esaurito i permessi può fare affidamento sulle ore dei colleghi. Spiega Tormen sul Gazzettino:

se un dipendente ha già dato fondo ai permessi, può fare affidamento sulla generosità (o sulla laboriosità) dei colleghi. Basta «prendere» un pacchetto di ore, dedicarle all’assistenza del parente disabile o ammalato, e affidarsi alla solidarietà dei colleghi. «Si tratta di un contenitore di ore unico per tutti gli stabilimenti di Luxottica – spiega Denise Casanova, segretario provinciale Filctem Cgil di Belluno – Pacchetti di 80 ore: i dipendenti donano il loro lavoro ai colleghi che hanno necessità di assistere i parenti o i genitori. Luxottica raddoppia con altrettante ore». «Questo nuovo contratto integrativo rappresenta un ulteriore miglioramento per i dipendenti – continua la sindacalista – Si tratta di una risposta seria alle esigenze dei lavoratori».


PER SAPERNE DI PIU'