Economia

M5S rilancia a Roma il “Tibex”, moneta parallela all’euro

M5S rilancia a Roma il "Tibex", moneta parallela all'euro

M5S rilancia a Roma il “Tibex”, moneta parallela all’euro

ROMA – M5S rilancia a Roma il “Tibex”, moneta parallela all’euro. L’amministrazione a 5 Stelle sta studiando la possibilità di introdurre una moneta complementare all’euro a Roma. Ad annunciarlo l’assessore al bilancio Andrea Mazzillo: si tratta del “funzionamento delle monete complementari – spiega a margine di una conferenza sui costi della politica -. Sostanzialmente non utilizzo la moneta, l’euro, ma una moneta che non è neanche elettronica ma alternativa, può essere chiamata in tanti modi: in Sardegna c’è il Sardex, oppure il Tibex nel Lazio”.

A chi gli chiede quale sia il vantaggio di questo sistema, Mazzillo risponde: “All’ interno del progetto Fabbrica Roma l’idea è costruire un circuito parallelo che possa favorire l’economia. Il vantaggio sta nel fatto che si crea fidelizzazione nei soggetti, io posso scambiare con gli appartenenti alla rete le mie prestazioni sia di beni sia di servizi”. Il progetto della moneta complementare era stato già annunciato da Virginia Raggi durante la campagna elettorale, suscitando diverse polemiche.

Anche a Torino, sempre amministrata dai 5 Stelle, si studia l’utilizzo di una moneta complementare all’euro: “Stiamo studiando dei Torino-coin, un progetto di innovazione distruttiva. L’idea è creare una community open utilizzando la blockchain technology (il sistema che è alla base dei bitcoin, ndr)”. Fra l’altro nella vicina Valle d’Aosta una decina di aziende, su un paniere di 600, sta già utilizzando il “valdex”, nuovo strumento di pagamento parallelo e complementare regionale.

To Top