Blitz quotidiano
powered by aruba

Pensioni Statali: primo assegno e liquidazione il 7 del mese

ROMA – Come già disposto per le private, anche per le pensioni degli statali il primo versamento potrà avvenire in date diverse. Lo fa sapere l’Inps, spiegando che a partire da maggio 2016 il “primo pagamento potrà essere effettuato, oltre che il giorno 1, anche il giorno 7 del mese, o il giorno bancabile immediatamente successivo”. Insomma per i neo pensionati si apre una seconda finestra, così da avvicinare le regole del pubblico a quelle del privato, permettendo inoltre, sottolineano dall’Istituto, di velocizzare l’arrivo dell’assegno nei casi in cui l’uscita decorra dalla seconda metà del mese.

L’Inps inoltre precisa che la data del 7 è possibile esclusivamente per la pensione numero uno, la prima. Lo stesso vale per chi aspetta la liquidazione. “Le rate successive saranno corrisposte secondo le regole ordinarie: il primo giorno di ciascun mese o in quello successivo, se questo cade in giorno festivo o non bancabile”, chiarisce l’Istituto.

Per Poste Italiane Spa anche il sabato è considerato bancabile. Il calendario  è identico indipendentemente dal mezzo di pagamento prescelto dall’avente diritto alla prestazione.

Da giugno scorso infatti gli assegni pensionistici, le indennità di accompagnamento e le rendite vitalizie Inail sono versate al primo giorno del mese o il primo bancabile, cioè dal giorno successivo se il primo è festivo. Tali scadenze finora erano state attivate per le sole pensioni delle gestioni private, mentre per le pensioni della gestione pubblica era operativa la sola scadenza del giorno 1.

Come previsto già per le pensioni della gestione privata, il pagamento del giorno 7 conterrà tutte le somme da corrispondere a titolo di arretrato dalla decorrenza giuridica fino al mese in corso. A titolo di esempio, con il pagamento di maggio relativo a una pensione con decorrenza marzo 2016, saranno pagate tutte le somme relative ai mesi di marzo, aprile e maggio 2016.

TAG: ,