Blitz quotidiano
powered by aruba

Poste Italiane, Luisa Todini al Forum in Previdenza 2016

ROMA- La Presidente di Poste Italiane Luisa Todini è intervenuta all’appuntamento annuale  del Forum in Previdenza 2016 che si è tenuto a Roma giovedì 21 aprile.

Il Forum della Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza dei Dottori Commercialisti (CNPADC)  con il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha affrontato il tema “La previdenza dei professionisti: ieri, oggi, domani”.

Nel corso della settima edizione del Forum, in cui si è tracciato il bilancio dei primi venti anni di previdenza privata , si è discusso di welfare e della possibilità di un nuovo patto tra lo Stato e le Casse di Previdenza dei liberi professionisti in linea con le esigenze specifiche dei liberi professionisti  e con gli altri Paesi europei.

In merito all’intervento della Presidente Luisa Todini, il 21 aprile Poste Italiane ha diramato un comunicato stampa

Roma, 21 aprile 2016 – “La Presidente di Poste Italiane Luisa Todini è intervenuta oggi al Forum 2016 In Previdenza, promosso dalla Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza dei Dottori Commercialisti in collaborazione con  Il Sole 24 Ore, con il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, svoltosi a Roma presso il Grand Hotel Plaza. Nel corso della tavola rotonda dedicata al tema “Previdenza, Welfare, economia: Strategie per una crescita condivisa”, moderata da Bruno Vespa, alla quale hanno partecipato tra gli altri il Dott. Luigi Abete, l’On.le Cesare Damiano, l’On.le Giancarlo Giorgetti e il Sen. Maurizio Sacconi, la presidente Todini ha illustrato il ruolo di primo piano che Poste Italiane svolge già oggi nel settore previdenziale e assicurativo attraverso la sua controllata Poste Vita, soffermandosi poi sulle prospettive di sviluppo per i prossimi anni e sull’offerta messa a punto per soddisfare le crescenti esigenze degli italiani in tema di welfare.

Poste Italiane” – ha osservato la presidente Todini – “è dal 1862 al servizio dei cittadini con i suoi servizi di comunicazione, di pagamento e di raccolta del risparmio. Il settore del welfare è strategico per continuare a svolgere questa missione storica in modo efficace: prepararsi ad integrare la pensione ‘pubblica’ o ad affrontare seri problemi di salute e imprevisti di altro genere è un’esigenza sempre più sentita dalle famiglie in un contesto in cui le risorse a disposizione dello Stato tendono purtroppo a ridursi. Così come per il passaggio all’economia digitale, anche per quanto riguarda il welfare Poste Italiane vuole essere un motore di sviluppo inclusivo, in un’ottica di rendimento, garanzia e sicurezza per tutti i cittadini”