Economia

Poste Italiane partecipa a “M’illumino di meno”: luci spente in 325 sedi in tutta Italia

Poste Italiane partecipa a "M'illumino di meno": luci spente in 325 sedi in tutta Italia

ROMA – Anche quest’anno Poste Italiane aderisce all’iniziativa dedicata all’ambiente e al risparmio energetico “M’illumino di menoe oggi, venerdì 24 febbraio, dalle 18 alle 19:30 spegnerà le luci in 325 sedi in tutta Italia.

L’azienda ha anche invitato i 142mila dipendenti a compiere un gesto simbolico per ridurre l’inquinamento come, per esempio, andare in ufficio a piedi, in bicicletta o con il trasporto pubblico, adottare il car-sharing o il car-pooling.

Poste Italiane è impegnata da anni per ridurre l’impatto delle proprie attività sull’ambiente: il 100% dell’energia che utilizza proviene da fonti rinnovabili certificate e nelle sue 15mila sedi è stato adottato un piano di ottimizzazione dell’energia, mirato al contenimento dei consumi.

Gli interventi vanno dall’attivazione del telecontrollo e dello spegnimento degli impianti da remoto in 4.500 sedi particolarmente “energivore” come, per esempio, i grandi impianti industriali per lo smistamento di corrispondenza e pacchi, alla sostituzione di vecchie centrali termiche con caldaie a condensazione, dall’adozione di avanzati strumenti di termoregolazione per gli immobili alla massiva sostituzione, recentemente pianificata, delle lampade tradizionali a fluorescenza con quelle a tecnologia LED, dalla realizzazione di impianti fotovoltaici all’utilizzo sempre maggiore di veicoli elettrici e bi-fuel.

L’azienda ha inoltre adottato politiche di Mobility Management, avviando una serie di programmi per promuovere la mobilità sostenibile tra i dipendenti: tra questi, gli incentivi per l’adozione del car-sharing e del car-pooling, le convenzioni per favorire l’uso del trasporto pubblico, l’allestimento di spogliatoi per “ciclisti”, le iniziative di comunicazione e formazione per promuovere una guida sicura ed ecocompatibile.

Nel dettaglio, ecco l’elenco completo, regione per regione, delle sedi che venerdì sera spegneranno le luci per l’iniziativa ambientalista.

Trentino Alto Adige: Trento.

Friuli Venezia Giulia: Monfalcone,  Udine.

Veneto: Padova, Treviso, Venezia (3), Vicenza, Verona (2), Bassano del Grappa.

Lombardia: Treviglio, Grole, Bergamo, Seriate, Torbole Casaglia, Darfo Boario Terme, Montichiari, Palazzolo sull’Oglio, Brescia, Gardone Val Trompia, Ghedi, Brescia, Lecco (3), Valmadrera, Olgiate Comasco, Como (2), Cantù, Cernobbio, Casalmaggiore (2), Cappella Cantone, Palazzo Pignano, Crema (2), Cremona, Brugherio, Corsico, Lainate, Paderno Dugnano, Seveso, Cormano, Cesano Boscone, Cinisello Balsamo, Buccinasco, Casalpusterlengo (2), Legnano (2), San Giuliano Milanese, Carate Brianza, Lonate Pozzolo, Cesano Maderno, Desio, Milano (4), Rho, Lissone, Segrate, Cologno Monzese, Meda, San Donato Milanese, Sesto San Giovanni, Lodi, Peschiera Borromeo, Monza, Nerviano, Melzo, Mantova, Stradella, Pavia (3), Vigevano, Sondrio, Gallarate, Saronno, Varese (2), Busto Arsizio, Caronno Pertusella.

Piemonte: Asti, Cuneo, Novara, Torino (5), Castellamonte, Moncalieri, Cossato, Biella.

Liguria: Genova (3), Imperia, La Spezia, Savona.

Emilia Romagna: San Giorgio di Piano, Budrio, Bologna (4), Ferrara (2), Forlì (3), Riccione, Rimini (3), Cesena, Mirandola, Carpi, Sassuolo, Piacenza (2), Lugo, Ravenna, Faenza, Reggio Emilia (3).

Marche: Ancona (3), Loreto, Jesi, Fabriano, Sant’Elpidio a Mare, Porto San Giorgio, Ascoli Piceno (2), Fermo, Civitanova Marche, Corridonia, Macerata, Pesaro (2).

Umbria: Bastia Umbra, Perugia (2), Assisi, Foligno (2).

Toscana: Arezzo (3), Montevarchi, San Giovanni Valdarno, Arezzo (2), Firenze (7), Signa, Tavarnelle Val di Pesa, Scandicci, Sesto Fiorentino, Empoli, Bagno a Ripoli, Borgo San Lorenzo, Castelfiorentino, Certaldo, Figline Valdarno, Fucecchio, Prato, Follonica, Grosseto (2), Livorno, San Vincenzo, Lucca (2), Pietrasanta, Viareggio, Massa (4), Pisa (3), Santa Croce Sull’Arno, Pontedera, Pistoia (2), Buggiano, Lamporecchio, Poggibonsi, Siena (2).

Lazio: Frosinone (2), Latina (2), Rieti, Roma (6 – tra cui il quartier generale di Roma Eur), Civitavecchia, Bracciano, Fiumicino, Viterbo.

Abruzzo: Avezzano, l’Aquila, Chieti (2), Lanciano, Vasto, Scafa, Pecara (3), Teramo (2).

Sardegna: Cagliari, Elmas (Ca), Nuoro, Oristano (2), Sassari, Olbia.

Campania: Montesarchio, Napoli (4), Calvizzano, Pozzuoli, Salerno, Scafati.

Calabria: Cosenza (2), Lamezia Terme, Reggio Calabria (2).

Molise: Campobasso (3), Termoli, Isernia (2).

Puglia: Barletta, Bari (2), Brindisi (2), Andria, Lucera, Foggia (2), Monte Sant’Angelo, San Severo, Lecce, Casarano, San Giorgio Ionico, Taranto.

Basilicata: Potenza.

Sicilia: Favara, Santa Margherita di Belice, Agrigento, Porto Empedocle, Licata, Canicattì, Gela, Sommatino, Caltanissetta, Catania (6), Misterbianco, Paternò, Adrano, Enna (2), Piazza Armerina, Messina (2), Sant’Agata di Militello, Palermo (10), Bagheria, Cefalù, Corleone, Carini, Partinico, Polizzi Generosa, Termini Imerese (2), Trapani, Campobello di Mazzara, Mazzara del Vallo, Marsala, Castellammare del Golfo, Alcamo.

To Top