Blitz quotidiano
powered by aruba

Salario di produttività, tasse agevolate al 10%. Cosa cambia

ROMA – Torna la detassazione del salario di produttività. E’ stato infatti firmato dai ministri del Lavoro e dell’Economia, Giuliano Poletti e Pier Carlo Padoan, il decreto interministeriale che, come previsto in legge di stabilità 2016, fissa una tassazione agevolata al 10% per i premi di risultato e per le somme erogate sotto forma di partecipazione agli utili d’impresa, entro il tetto di 2.000 euro lordi (che sale a 2.500 euro per le aziende che coinvolgono pariteticamente i lavoratori nell’organizzazione), per chi ha redditi fino a 50mila euro.

Il decreto, “redatto in collaborazione con la presidenza del Consiglio”, si legge in una nota congiunta del ministero del Lavoro e dell’Economia, disciplina i criteri di misurazione degli incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza ed innovazione ai quali i contratti aziendali o territoriali legano la corresponsione di premi di risultato di ammontare variabile nonché i criteri di individuazione delle somme erogate sotto forma di partecipazione agli utili dell’impresa.

Il decreto disciplina, inoltre, gli strumenti e le modalità attraverso cui le aziende realizzano il coinvolgimento paritetico dei lavoratori nell’organizzazione del lavoro e l’erogazione tramite voucher di beni, prestazioni e servizi di welfare aziendale (come, ad esempio, servizi di educazione e istruzione per i figli, o di assistenza ai familiari anziani o non autosufficienti, ecc.). Il decreto sarà trasmesso a breve alla Corte dei Conti per la relativa registrazione.

Quanto alle risorse, prosegue la nota, “la legge di stabilità prevede che le risorse necessarie sono reperite attraverso corrispondenti riduzioni del Fondo per l’occupazione, per un ammontare di 344,7 milioni per l’anno 2016, 325,8 milioni per il 2017, 320,4 milioni per il 2018, 344 milioni per il 2019, 329 milioni per l’anno 2020, 310 milioni per il 2021 e 293 milioni annui a decorrere dal 2022″.