Economia

Voucher. Governo pensa a carta prepagata per famiglie. Per le imprese tetto di 400 giorni in tre anni

Voucher. Governo pensa a carta prepagata per famiglie. Per le imprese tetto di 400 giorni in tre anni

Voucher. Governo pensa a carta prepagata per famiglie. Per le imprese tetto di 400 giorni in tre anni

ROMA – Voucher. Governo pensa a carta prepagata per famiglie. Per le imprese tetto di 400 giorni in tre anni. Il Governo starebbe pensando a un ritocco dei controversi “voucher” abrogati per legge che potrebbero resuscitare in una nuova veste più “light” e destinata alle famiglie. La soluzione sarebbe – si legge su Il Giornale che cita indiscrezioni governative – una carta prepagata ricaricabile  con cui le famiglie potranno pagare colf, badanti, giardinieri e baby sitter occasionali. Per le imprese è previsto un tetto di 400 giorni in tre anni da utilizzare per contratti a chiamata.

Lo strumento del voucher, nato per contrastare i pagamenti in nero, è stato abolito per l’abuso che ne è stato fatto da parte delle imprese: con le carte prepagate, che garantiscono la tracciabilità, il problema del nero verrebbe arginato, il tetto alle imprese dovrebbe scoraggiarne l’abuso appunto. Restano freddi però i sindacati.

“Sulle cose che leggo e sento vorrei dire che il governo ha fatto votare al parlamento una legge di abrogazione dei voucher, se li reintroduce credo che la prima cosa che faremo è un appello alla Cassazione”, ha dichiarato Susanna Camusso, segretario generale della Cgil.

Per Annamaria Furlan, segretario generale Cisl, “non commentiamo le ipotesi che stanno circolando sulla stampa. Ma proprio per questo il Governo farebbe bene a fare subito chiarezza facendo una proposta precisa su come intende regolare il lavoro saltuario che tra l’altro interessa tante famiglie italiane ed il no profit, in modo da evitare ulteriori pasticci”.

To Top