Blitz quotidiano
powered by aruba

Bolletta elettrica, stangata con fine mercato tutelato

ROMA – Una nuova stangata arriverà dalla bolletta elettrica se verrà approvata senza modifiche la norma contenuta nel ddl Concorrenza ora all’esame del Senato. Dal primo gennaio 2018 la fine del mercato tutelato può portare a un considerevole aumento delle bollette.

Al momento chi non ha ancora scelto il proprio fornitore sul libero mercato sta sotto l’Acquirente unico, la società pubblica che acquista elettricità per il mercato tutelato. In sostanza, fra due anni, i 25 milioni di utenti che ora sono nella fascia protetta devono per forza migrare sul libero mercato.

Nella nuova versione del ddl concorrenza coloro che a quella data non hanno fatto il salto nel libero mercato verranno riforniti, per un periodo di transizione, da un “servizio di salvaguardia”. Le utenze verranno assegnate ai fornitori di energia attraverso aste, a condizioni che incentivino il passaggio al mercato libero.

Questo servizio di salvaguardia potrà costare anche quattro volte il normale prezzo dell’energia. Le associazioni dei consumatori hanno sollevato il problema con una lettera a Renzi ma finora non c’è stato alcun cambiamento. Le bollette quindi rischiano di schizzare in alto. L’aggravio risulterà ancora maggiore perché nel costo dell’energia confluirà pure quello del canone Rai.