Energia e Risparmio

Termostato in hotel: non lo controllate voi, col wi-fi vi “impongono” caldo e freddo

Termostato in hotel: non lo controllate voi, col wi-fi vi "impongono" caldo e freddo

NEW YORK – Siete nella vostra camera d’albergo e volete regolare la temperatura attraverso il termostato? Sappiate che spesso il vostro intervento è inutile: pare infatti che la maggior parte degli hotel abbia collegato i marchingegni che controllano i caloriferi a un sofisticato sistema di sensori wi-fi per cui i termostati si “autocontrollano”.

Un esempio concreto? Se aprite una finestra o la porta, automaticamente la temperatura si regola da sé, magari il termosifone si spegne perché il termostato “suppone” che abbiate caldo. Magari volete solo cambiare l’aria. Allo stesso modo funziona per i condizionatori. La questione, sollevata dal Wall Street Journal, ha aperto un infuocato dibattito negli Stati Uniti. Da una parte ci sono i gestori delle strutture e i detrattori degli sprechi energetici, che sostengono che questo sistema riduca sperperi inutili. Dall’altra parte ci sono le associazioni dei consumatori, che rivendicano l’autonomia decisionale dei clienti, in base a quanto sentono caldo o freddo.

Ecco cosa scrive il Wall Street Journal (tradotto da Internazionale):

L’umile termostato da parete dell’albergo, che un tempo serviva solo a rilevare la temperatura e a regolare la velocità delle pale del ventilatore, è diventato un rilevatore di calore e un sensore di movimento a infrarossi collegato in wi-fi al sistema centrale programmato per abbassare le spese riducendo il consumo di energia. Molti sono collegati a interruttori della porta e si spengono quando gli ospiti lasciano la stanza, o addirittura aprono una finestra o una porta sul balcone.

Il New York Hilton ha un sistema che mantiene le stanze vuote a una temperatura di 25° gradi e regola automaticamente il termostato a 23° gradi quando un ospite effettua la registrazione. Il sistema raffredda la stanza in cinque minuti circa. Complessivamente, dal 2009 i sistemi di controllo della temperatura hanno consentito alla catena Hilton di ridurre i consumi di energia del 14 per cento.

To Top