Blitz quotidiano
powered by aruba

Enel: scissione parziale non proporzionale di Green Power

ROMA – Enel ed Enel Green Power comunicano che il 25 marzo è stato stipulato l’atto di scissione relativo alla scissione parziale non proporzionale di Enel Gp in favore di Enel. Le azioni Enel Green Power saranno negoziate sul mercato italiano fino alla chiusura dei mercati del 31 marzo e sui mercati spagnoli fino alla chiusura dei mercati del 30 marzo. Il primo aprile avrà invece inizio la negoziazione delle azioni Enel di nuova emissione sul mercato italiano ed è previsto il regolamento delle azioni Enel Green Power oggetto di recesso o di vendita.

Gli effetti civilistici della scissione decorreranno dall’ultimo istante del 31 marzo 2016, a seguito dell’iscrizione dell’atto di scissione presso i competenti uffici del Registro delle Imprese di Roma, che si prevede avvenga entro il prossimo 29 marzo 2016. Dalla data di efficacia decorreranno anche gli effetti contabili e fiscali della Scissione. Per quanto concerne in particolare gli effetti della scissione sulla negoziazione delle azioni ordinarie Enel Green Power, si precisa che: sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana, le azioni ordinarie EGP continueranno ad essere negoziate fino alla chiusura dei mercati del 31 marzo e, pertanto, gli effetti della scissione si produrranno dal primo aprile, da quando le azioni ordinarie EGP saranno revocate dalla quotazione sul Mta; sui mercati azionari gestiti dalle Borse di Madrid, Barcellona, Bilbao e Valencia, invece, le azioni ordinarie EGP continueranno ad essere negoziate fino alla chiusura dei mercati del 30 marzo, saranno sospese dalla negoziazione il 31 marzo e saranno revocate dalla quotazione in data primo aprile. Dal 1° aprile 2016 avrà inizio la negoziazione sul MTA delle azioni ordinarie Enel di nuova emissione.