Blitz quotidiano
powered by aruba

Stelle cadenti, i siti del mondo in cui si vedono meglio FOTO

ROMA – Il 10 agosto è nota per essere la notte delle stelle cadenti. Per apprezzare al meglio questo fenomeno molto visibile nel giorno di San Lorenzo, serve un posto ben lontano dalle luci della città. A scovare questi siti in tutto il mondo è la Dark Sky Community che ogni anno recensisce e ammette nella sua “guida” i posti più bui al mondo, in grado quindi di offrire uno spettacolo stellare. La Stampa spiega che ad oggi i posti recensiti in tutto il mondo dalla Dark Sky Place sono 67 e che questi 

“si suddividono in parchi, riserve e santuari e in ognuno è assicurata una vista mozzafiato. A garantire sull’oscurità possono essere anche gli stessi abitanti: è quanto è successo a Sark, piccolo pezzo di terra in mezzo alla Manica che ha rivendicato di essere il primo Dark Sky al mondo formato isola”.

“Nelle notti limpide – assicurano gli abitanti di Sark – è straordinariamente facile individuare la luminescenza cosmica della Via Lattea”. Loro sono i primi a impegnarsi per preservare questo tesoro naturale, e lo fanno limitando il più possibile l’inquinamento luminoso. L’isola di Sark è un paradiso senza auto e lampioni: i residenti e i turisti si spostano a bordo di carrozze trainate da cavalli e per la sua indole ecologica è da sempre una meta amata dagli ambientalisti”.

“C’è una vista spettacolare in molti posti del Regno Unito, ma esistono alcuni siti molto speciali che dovrebbero essere riconosciuti a livello mondiale”, afferma l’astronomo Steve Owens, che ha incoraggiato e aiutato gli abitanti di Sark a presentare la domanda alla Dark Sky Community.”

L’International Dark Sky Association è un’organizzazione no profit che lavora per proteggere i cieli notturni per le generazioni presenti e future. L’organizzazione combatte l’inquinamento luminoso con l’unico scopo di mantenere le stelle luminose.

“Il prossimo posto candidato per entrare nella lista dei Dark Sky Place è il Glacier National Park, in Montana, meta ogni anno di 2,3 milioni di visitatori.”

“Ogni cielo presente nell’elenco può valere un viaggio a sé. Qualche esempio? Sedona, in Arizona, con le sue montagne rosse set dei più celebri film western di Hollywood, oppure la Valle di Elqui , del Nord del Cile. Decisamente più vicine Pic du Midi , nel Parco Nazionale dei Pirenei, al Sud della Francia, così come Rohn, riserva della biosfera nel cuore della Germania”.

Immagine 1 di 7
  • Stelle cadenti, i siti del mondo in cui si vedono meglioLa cartina della Dark Sky Place (Stati Uniti e Europa)
  • Valle del Elqui in Cile
  • Sedona in Arizona
  • Rhon, Germania
  • Pic du Midi nel Parco Nazionale dei Pirenei
  • Glacier National Park nel Montana
Immagine 1 di 7