Blitz quotidiano
powered by aruba

Angri (Salerno): auto vigili su posto disabili, FOTO virale

Siamo in via Nazionale ad Angri in provincia di Salerno. Lo scatto è stato effettuato da un residente che si affaccia sul parcheggio. Non sono mancati i commenti da parte degli utenti a questo comportamento giudicato sbagliato e messo in atto proprio da chi dovrebbe dare il buon esempio e vigilare.

ANGRI (SALERNO) – L’auto della polizia locale posteggiata nello stazio riservato ai disabili. Lo scatto finisce sul web e diventa virale nel giro di poche ore. Siamo in via Nazionale ad Angri in provincia di Salerno.  Lo scatto è stato effettuato  da un residente che si affaccia sul parcheggio. Non sono mancati i commenti da parte degli utenti a questo comportamento giudicato sbagliato e messo in atto proprio da chi dovrebbe dare il buon esempio e vigilare proprio sul rispetto dei parcheggi riservati ai diversamente abili.

In Spagna, Una donna che ha fatto la stessa cosa, ossia fotografare un’auto questa volta della polizia in sosta sul parcheggio dei disabili ha dovuto sborsare 800 euro di multa. Come raccontato da Blitz Quotidiano lo scorso agosto, è accaduto a Petrel, una cittadina vicino a Valencia. La donna ha dovuto pagare per colpa della cosiddetta “Ley Mordaza”, una legge approvata dal governo di Rajoy che tutela le forze dell’ordine e vieta ai cittadini di fotografare gli agenti al lavoro per difenderne la sicurezza. La legge è stata proposta dal governo di Rajoy e approvata dal Parlamento spagnolo.

Da molti non è vista d buon occhio perché permetterebbe abusi di potere da parte delle forze dell’ordine senza neanche la possibilità di denunciarli. Molti non hanno esitato a definire l’approvazione di questa legge come un ritorno al regime franchista. Secondo la legge ufficialmente chiamata “di sicurezza cittadina” “l’utilizzo non autorizzato di immagini rappresentanti agenti delle forze dell’ordine, che possa mettere in pericolo l’integrità o l’onore di essi o dei loro familiari, prevede multe dai 600 ai 30 mila euro”. Alla donna quindi è andata anche bene, dato che è stata multata di soli” 800 euro”.