Blitz quotidiano
powered by aruba

Attentato a New York. Pista islamica: bomba inesplosa FOTO pentola a pressione come a Boston

Attentato a New York. La seconda bomba di New York, quella che non è esplosa (la prima è scoppiata vicino a un cassonetto sabato sera 17 settembre alle 20,300) era una pentola a pressione, simile all’ ordigno impiegato a Boston nel 2013, che uccise 3 persone e causò 264 feriti.  Dei due attentatori, i fratelli Dzhokhar Tsarnaev  e Tamerlan Tsarnaev, immigrati dalla Cecenia, di fede islamica, il primo è stato condannato a morte, il secondo è morto nell’attentato.

La seconda bomba di New York, una pentola con attaccati dei fili elettrici e un telefono cellulare,  è stata trovata 3 ore dopo la esplosione, in un punto non meglio precisato sulla 27.ma strada, vicino alla Avenue of Americas, a quattro isolati di distanza dalla prima, che era stata piazzata sulla parallela 23.ma strada, sempre in vicinanza della grande Avenue lunga chilomeri che taglia Manhattan da Nord fin quasi alla punta.

L’ ordigno è stato subto identificato come somigliante alla pentola a pressione usata dai due fratelli ceceni attentatori di Boston.

Può trattarsi di una coincidenza o di una imitazione, ma l’affermazione del sindaco di New York Di Blasio che non si tratta di terrorismo anche se certamente di un atto intenzionale sembra un po’ prematura e molto politica, finalizzata a tranquillizzare i suoi concittadini.

Più prudente la Polizia di New York. Un funzionario ha detto ai giornalisti che la Polizia “sta cercando di identificare chi ci sia dietro l’ esplosione e quali ne siano state le motivazioni”.

La prudenza è aumentata dopo la scoperta del secondo ordigno. Un alto funzionario della Polizia di New York ha confermato che le fotografie dell’ ordigno diffuse sui social media sono autentiche. Esse mostrano una pentola di metallo con attaccati dei fili e un telefono cellulare. Gli artificieri della Polizia di New York hanno preso in consegna l’ ordigno e lo hanno portato nel loro laboratorio. La pentola-bomba sar ispezionata da dei robot.

La prima bomba è esplosa alle 20,30 di sabato sera,  in un punto della 23.ma strada West vicino alla Avenue of Americas. La zona era povera e derelitta, trovandosi nei pressi del vecchio porto di New York ma negli ultimi 20 anni ha subito una radicale trasformazione, con ristoranti e negozi di lusso, diventando casa per molti divi del cinema e vip in genere e facendo da sfondo a molti film. Vicino al punto in cui è esplosa la bomba c’è  anche il ristorante che Eataly ha aperto di recente a New York.

La bomba era vicino a un cassonetto della immondizia, che per la forza della esplosione è volato sul marciapiede opposto.

Un altro funzionario ha aggiunto:

“Sembra che l’ esplosione sia stata provocata da un ordigno improvvisato. Non abbiamo ancora capito quale fosse l’ obiettivo e il suo significato”.

Immagine 1 di 2
  • Attentato a New York. La bomba inesplosa FOTO come quella islamica di Boston, una pentola a pressioneAttentato a New York. La bomba inesplosa come quella islamica di Boston (nella foto), una pentola a pressione
  • Attentato a New York. La bomba inesplosa (nella foto) come quella islamica di Boston, una pentola a pressione
Immagine 1 di 2