foto notizie

Borsa sospetta a Firenze: fatta brillare, all’interno c’era un profumo FOTO

  • Borsa sospetta a Firenze fatta brillare, all'interno c'era un profumo5
  • Borsa sospetta a Firenze fatta brillare, all'interno c'era un profumo4
  • Borsa sospetta a Firenze fatta brillare, all'interno c'era un profumo3
  • Borsa sospetta a Firenze fatta brillare, all'interno c'era un profumo2
  • Borsa sospetta a Firenze fatta brillare, all'interno c'era un profumo
  • Borsa sospetta a Firenze fatta brillare, all'interno c'era un profumo5
  • Borsa sospetta a Firenze fatta brillare, all'interno c'era un profumo4
  • Borsa sospetta a Firenze fatta brillare, all'interno c'era un profumo3
  • Borsa sospetta a Firenze fatta brillare, all'interno c'era un profumo2
  • Borsa sospetta a Firenze fatta brillare, all'interno c'era un profumo

FIRENZE – Gli artificieri hanno fatto brillare, mercoledì 5 gennaio, con il cannoncino ad acqua, una borsa sospetta lasciata in piazza della Repubblica a Firenze, all’interno della quale c’era una busta che conteneva un profumo. 

La borsa, nera e senza scritte, era stata abbandonata poco lontano dalla giostra per bambini che si trova in piazza della Repubblica, a un centinaio di metri dal battistero. Gli agenti hanno inizialmente isolato una parte della piazza poi, prima dell’arrivo degli artificieri, tutta la zona, con l’aiuto della polizia municipale, è stata interdetta e i tanti turisti e fiorentini (moltissimi in centro per il primo giorno di saldi) sono stati tenuti a distanza. Sul posto, per precauzione, anche i vigili del fuoco e un’ambulanza.

L’artificiere, dopo aver indossato la speciale tuta protettiva, ha ispezionato la borsa e ha posizionato il cannoncino ad acqua. Dopo essersi allontanato ha azionato il getto d’acqua che ha aperto la borsa. All’interno c’era un sacchetto regalo di una nota griffe con una borsetta da donna, e un profumo.

2x1000 PD

La piazza, dopo circa un’ora e mezzo, è quindi stata riaperta e molti sono stati i curiosi che si sono avvicinati per vedere i resti subito portati via dagli agenti della digos (foto Ansa).

 

To Top