Blitz quotidiano
powered by aruba

Catania, libreria vs Salvatore Riina: “No vendita del libro”

CATANIA – Salvatore Riina lancia il suo libro “Riina Family Life”, ma dopo l’intervista di Bruno Vespa a Porta a Porta al figlio del boss Totò Riina scoppiano le polemiche. Una libreria di Catania, la “Libreria Vicolo Stretto“, fa sentire la sua voce di protesta e lo fa prendendo una posizione decisa: “Non venderemo il libro del figlio di Riina”.

Un cartello esposto nella vetrina della libreria nel centro storico di Catania annuncia a tutti che quel libro non sarà mai tra i loro scaffali:

“In questa libreria non si ordina né si vende il libro di Salvatore Riina”,

c’è scritto nero su bianco. La signora Angelina Sciacca, titolare della libreria, ha pubblicato su Facebook la fotografia del cartello che ha appeso la mattina del 7 aprile nella vetrina del suo negozio, aggiungendo in un altro post:

“Adesso chiedo a tutti i miei colleghi di affiggere lo stesso cartello!”.

D’altronde l’apparizione del figlio del boss di Corleone ha destato polemiche nel mondo politico e non solo. Maria Falcone, figlia del magistrato Giovanni Falcone, ha dichiarato:

“Apprendo costernata della decisione di far partecipare per la presentazione del proprio libro, alla puntata di Porta a porta il figlio di Totò Riina, carnefice di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, e centinaia di altri servitori dello Stato, e anch’egli condannato per associazione mafiosa.

Considero incredibile la notizia: da 24 anni mi impegno per portare ai ragazzi di tutta Italia i valori di legalità e giustizia per i quali mio fratello ha affrontato l’estremo sacrificio ed è indegna questa presenza in una emittente che dovrebbe fare servizio pubblico”.

Immagine 1 di 2
  • Catania, libreria vs Salvatore Riina: "No vendita del libro"
Immagine 1 di 2
Immagine 1 di 5
  • Mafia: Salvo Riina, amo mio padre, non tocca a me giudicare
Immagine 1 di 5