foto notizie

Cosa scrive un pedofilo a una 12enne in chat FOTO

  • Cosa scrive un pedofilo a una 12enne in chat
  • Cosa scrive un pedofilo a una 12enne in chat 6
  • Cosa scrive un pedofilo a una 12enne in chat 5
  • Cosa scrive un pedofilo a una 12enne in chat 4
  • Cosa scrive un pedofilo a una 12enne in chat
  • Cosa scrive un pedofilo a una 12enne in chat 2
  • Cosa scrive un pedofilo a una 12enne in chat
  • Cosa scrive un pedofilo a una 12enne in chat
  • Cosa scrive un pedofilo a una 12enne in chat 6
  • Cosa scrive un pedofilo a una 12enne in chat 5
  • Cosa scrive un pedofilo a una 12enne in chat 4
  • Cosa scrive un pedofilo a una 12enne in chat
  • Cosa scrive un pedofilo a una 12enne in chat 2
  • Cosa scrive un pedofilo a una 12enne in chat
Cosa scrive un pedofilo a una 12enne in chat

Cosa scrive un pedofilo a una 12enne in chat

LONDRA – Bret Gordon ha cercato di sedurre e portarsi a letto una ragazzina di 12 anni. L’uomo, un britannico di 44 anni, su Messenger, il sistema di messaggistica di Facebook, ha contattato una bimba di 12 anni. Il pedofilo è stato però colto in flagrante da una trappola di quattro poliziotti.

L’uomo ha cercato di sedurre la bimba chiedendole di vedersi per fare sesso con lui. Tutto inizia con un approccio cauto (“Non pensavo avessi 12 anni”) divenuto poco dopo decisamente esplicito (“Se ci vediamo facciamo sesso”). La bimba sta al gioco e si mostra impaurita sulle conseguenze (“Mi farai male?”, “Non è che facciamo dei bambini”).

Il 44enne cerca di rassicurarla proponendole anche di comprarle il biglietto del treno. Poi, come scrive Metro.uk che ha diffuso per primo la notizia, la ragazzina continua a porre dei dubbi  (“Devo spogliarmi davanti a te?”, “Ma dobbiamo baciarsi”), arriva il momento dell’incontro tanto atteso dall’uomo. Ed è a questo punto che arriva la sorpresa: di fronte al pedofilo non si presenta nessuna bambina, ma quattro poliziotti armati di manette.

“Sono davvero fottuto”, esclama l’uomo, “la mia vita ora è finita”. Per Bret Gordon il futuro sarà in carcere. L’uomo era già stato arrestato nel 2007 con l’accusa di doppio stupro nei confronti di due ragazze di 18 e 19 anni. Dopo essere stato rilasciato nel 2013,  nel 2014 aveva cambiato nome non cambiando affatto le sue abitudini sessuali. Ora la giustizia ci penserà due volte prima di rilasciarlo.

 

To Top