Blitz quotidiano
powered by aruba

F-Pace, il primo suv della Jaguar FOTO

TEODO (MONTENEGRO) – Jaguar ha scelto il Montenegro per effettuare il test drive internazionale del nuovo crossover F-Pace. La prova davvero fuori dal consueto si è svolta nella vasta area montagnosa alle spalle di Teodo (Tivat per i locali) l’antica cittadina montenegrina appartenuta, dopo varie dominazioni, alla Repubblica di Venezia fino al 1797 e parte del Governatorato della Dalmazia, dipendente dal Regno d’Italia, dal 1941 al 1943.

L’eccezionalità di questo test è innanzitutto legata al debutto dinamico del primo suv nella storia di Jaguar e, va subito detto, all’identica eccezionalità di questo veicolo che deriva dall’ultima generazione delle berline sportive XF. E’ proprio ‘sbagliando’ percorso nella parte più remota del Parco nazionale Biogradska Gora che F-Pace ha dato una lezione a chi era a bordo di capacità di marcia fuoristrada degne delle ‘cugine’ Land Rover, su tratti sconnessi che nemmeno gli stessi organizzatori della presentazione avevano voluto inserire nel lungo tracciato.

Passaggi ben più impegnativi dello scivolo artificiale a quasi 45 gradi di pendenza costruito su una diga o, ancora, di guadi e tratti fangosi solo molto scenografici.

L’errore di percorso, generato da una falsa mappatura presente nel pur sofisticato sistema di navigazione (anche una mulattiera nelle foto satellitari viene spesso interpretata come ‘strada’) ha messo in evidenza su quello che era in realtà un fondo di torrente le grandi doti della F-Pace, della sua robusta struttura quasi interamente in alluminio e delle sospensioni a corsa lunga (derivate dalla F-Type) oltre che di tutta la sofisticata elettronica di controllo della trazione integrale.

Il sistema AWD, ormai disponibile su tutte le Jaguar per offrire i massimi livelli di aderenza in tutte le condizioni atmosferiche, è stato ulteriormente migliorato nella F-Pace con alcune innovative tecnologie come l’Adaptive Response Surface e l’Intelligent Driveline Dynamics che consente di avere le capacità stradali di una 4×4 abbinate alla guidabilità sull’asfalto di una trazione posteriore sportive. Grande ‘lezione’, quella offerta nella divagazione fuori dalle mappe, anche dal poderoso motore turbodiesel V6 3.0 da 300 Cv con ben 700 Nm di coppia massima già a 2.000 giri. La spinta che si ottiene permette a chi guida di modulare tutta la gamma dei comportamenti che ci si attendono (e forse anche oltre) da un crossover Jaguar: docile ma energico nel superare a bassa andatura i passaggi off-road più difficili, è furioso nelle accelerazioni su strada (0-100 in 6,2 sec nonostante una massa di 1.884 kg) per far vivere tutta l’esperienza sportive del Giaguaro.

Promossi a pieni voti nel difficile test montenegrino anche i freni, sempre efficaci anche dopo lunghe sollecitazioni, e i pneumatici Pirelli P Zero che – rinunciando un po’ all’ estetica – sono più equilibrati nell’impiego misto strada buona/strada cattiva nella variante da 20 pollici con spalle più alte rispetto a super-ribassati da 22 pollici delle versioni sportive. Inutile dire che F-Pace è tanto perfezionato nei sistemi di assistenza alla guida da affiancare anche il piloti meno esperti, per evitare di sbagliare ed – anzi – permettere il migliore sfruttamento delle doti meccaniche.

Per l’Italia la gamma delle versioni a gasolio spazia dai 44.625 euro della F-Pace 2.0d 180 Cv due ruote motrici con cambio manuale e allestimento Pure agli 83.235 euro della F-Pace 3.0d V6 300 CV AWD – Automatico Prestige First Edition. Una sola, invece, la motorizzazione benzina prevista (3.0 V6 340 Cv) solo con cambio automatico e trazione AWD, con prezzi compresi tra 61.675 e 87.645 euro (foto Ansa):

Immagine 1 di 8
  • F-Pace, il primo suv della Jaguar5F-Pace, il primo suv della Jaguar
Immagine 1 di 8