Blitz quotidiano
powered by aruba

Fiumicino, rogo in oleodotto. Causato da tentativo furto

Durante un tentativo di furto del carburante che rifornisce gli aerei dell'aeroporto di Fiumicino è stata rotta una tubazione e sono divampate le fiamme.

FIUMICINO – Ci sono volute circa tre ore per domare e mettere in sicurezza l’incendio che, nella tarda serata di ieri, 5 febbraio, ha colpito un punto dell’oleodotto dell’Eni che attraversa la zona di Maccarese, vicino Fiumicino.

Si è trattato di un cosiddetto “dardo di fuoco” che si è sviluppato in altezza per diversi metri, fino a 6/7. Le fiamme, circoscritte all’area della falla, non si sono propagate alla campagna circostante. L’allarme era stato dato intorno alle 21:10 da automobilisti che transitavano sulla vicina autostrada Roma-Civitavecchia.

L’A12, conclusa la messa in sicurezza, è stata poi riaperta al transito, in entrambe le direzioni, dopo la chiusura che ha interessato il tratto tra l’allaccio con la Roma-Fiumicino e il punto limitrofo all’incendio, all’altezza del chilometro 11. A causare l’incendio sarebbe stato un tentativo di furto con perforazione della condotta che da Pantano porta il carburante fino all’area aeroportuale. A quanto si è appreso non ci sono stati sversamenti di carburante.

Immagine 1 di 2
  • Fiumicino, rogo in oleodotto Eni. Causato da tentativo furto 02
  • Fiumicino, rogo in oleodotto Eni. Causato da tentativo furto (foto Ansa)
Immagine 1 di 2