foto notizie

FOTO Mussolini su Fb, poliziotti che uccisero Anis Amri non riceveranno onorificenze dalla Germania

  • FOTO Mussolini su Fb, poliziotti che uccisero Anis Amri
  • FOTO Mussolini su Fb, poliziotti che uccisero Anis Amri 3
  • FOTO Mussolini su Fb, poliziotti che uccisero Anis Amri 4
  • FOTO Mussolini su Fb, poliziotti che uccisero Anis Amri 5
  • FOTO Mussolini su Fb, poliziotti che uccisero Anis Amri 6
  • FOTO Mussolini su Fb, poliziotti che uccisero Anis Amri 7
  • FOTO Mussolini su Fb, poliziotti che uccisero Anis Amri
  • FOTO Mussolini su Fb, poliziotti che uccisero Anis Amri 3
  • FOTO Mussolini su Fb, poliziotti che uccisero Anis Amri 4
  • FOTO Mussolini su Fb, poliziotti che uccisero Anis Amri 5
  • FOTO Mussolini su Fb, poliziotti che uccisero Anis Amri 6
  • FOTO Mussolini su Fb, poliziotti che uccisero Anis Amri 7

MILANO – I poliziotti eroi di Sesto San Giovanni che uccisero Anis Amri lo scorso dicembre non riceveranno alcuna onorificenza dalla Germania. Colpa di alcune foto che sui loro profili Facebook inneggiano al fascismo e a Mussolini.

 Cristian Movio e a Luca Scatà, il 23 dicembre scorso intercettarono e uccisero, durante uno scontro a fuoco, il terrorista del mercatino di Natale di Berlino. La vicenda delle foto pubblicate sui loro profili era già emersa lo scorso dicembre ed ora torna di attualità dopo la decisione delle autorità tedesche che considerano i due agenti tendenti all’apologia di fascismo.

A tirare fuori la vicenda è stato sabato 11 febbraio il quotidiano Bild che ha rivelato che il governo tedesco stava considerando l’idea di dare una medaglia a Movio e Scatà per aver ucciso il 24enne tunisino che quattro giorni prima, alla guida di un camion, aveva ucciso 12 persone e ferite altre 55.

La stessa Angela Merkel aveva subito ringraziato la polizia italiana e i due agenti per aver tolto la Germania da un imbarazzo e dal fatto di non aver più individuato il terrorista.

Ora, però, la Bild dice che, secondo due ministri dei quali non cita i nomi, l’onorificenza non verrà data. Sui profili di Facebook e di Instagram, presto oscurati dalla Questura di Milano dopo lo scontro di Sesto San Giovanni, i due poliziotti avevano pubblicato fotografie e commenti di chiara ispirazione di estrema destra, qualcosa su cui nessun governo tedesco può passare sopra.

To Top