Blitz quotidiano
powered by aruba

Francia: no riforma lavoro, scontri: auto lusso a fuoco FOTO

PARIGI – Sono continuati in nottata gli scontri fra polizia e manifestanti a Parigi, dopo il pomeriggio di guerriglia di ieri nella capitale e in diverse città, con tre poliziotti ancora in gravi condizioni e un manifestante che rischia di perdere un occhio. Fino a dopo la mezzanotte, al termine del permesso che i manifestanti nottambuli della Nuit Debout – che ogni sera da un mese stazionano a place de la Republique – gli agenti hanno atteso, poi – sotto un fitto lancio di pietre e oggetti – sono passati allo sgombero. I loro colleghi, poco prima, avevano evacuato il teatro Odeon, nel quartiere latino, occupato da domenica scorsa dai precari dello spettacolo in agitazione. Nei disordini seguiti allo sgombero di place de la Republique, che si è protratto fino ad oltre le 3 del mattino, sono stati fermati 27 manifestanti fra i più attivi a bersagliare la polizia durante i tafferugli. Non si lamentano feriti. Ieri, al quarto giorno di mobilitazione contro la riforma del lavoro, si sono registrati 124 fermi e 28 feriti. le immagini pubblicate anche dal Daily Mail, mostrano auto di lusso incendiate:

Immagine 1 di 2
  • Francia: no riforma lavoro, scontri: auto lusso a fuoco2
Immagine 1 di 2

Nella giornata di ieri, c’erano state decine e decine di fermi in Francia per gli scontri e le violenze a margine della quarta giornata di mobilitazione contro la riforma del codice del lavoro. Secondo la CGT, il principale sindacato di Francia, nella capitale hanno sfilato 60.000 persone. Altre fonti parlano di 50.000 persone in provincia. Solo a Marsiglia sono stati fermati 57 facinorosi che si erano introdotti nella centralissima stazione ferroviaria di Marseille Saint-Charles approfittando del corteo contro la legge El-Khomri. Stesso copione in altre città della Francia dove gruppi di ‘casseur’ incappucciati si sono introdotti nella marcia pacifica per inscenare violenze e disordini. In molti casi la polizia ha risposto con cariche e lacrimogeni.

Diciassette fermi a Rennes, tre a Parigi, dove sono stati feriti due poliziotti, come anche a Tolosa. Scontri e danneggiamenti anche a Nantes e Lione. Uno dei poliziotti feriti è stato “ricoverato d’urgenza con una lesione alla testa”: è quanto scrive France Tv Info . Secondo la polizia hanno partecipato al corteo parigino tra i 14.000 e i 15.000 manifestanti. Per il sindacato CGT, invece, nella capitale sono scese in piazza 60.000 persone.

La questura precisa che “300 manifestanti incappucciati” hanno attaccato le forze dell’ordine. Negli scontri, due agenti sono rimasti feriti, di cui uno, appunto, in stato grave. Teatro delle violenze è stata la zona del Pont d’Austerlitz, uno dei ponti che attraversano la Senna. A Parigi, aggiunge la polizia, sono scattati almeno cinque fermi. Ma i casseur sono entrati in azione in tante altre città di Francia con decine di fermi, oltre sessanta soltanto a Marsiglia. Mentre su Twitter impazza la foto di una Porsche incendiata dai black bloc. Al termine della quarta giornata di mobilitazione la polizia ha dovuto procedere a 124 fermi tra casseurs e facinorosi che si sono introdotti nei cortei pacifici per seminare violenze e disordini. Ventotto sono invece gli agenti feriti di cui tre in condizioni gravi: è quanto ha riferito il ministro dell’Interno, Bernard Cazeneuve (foto Ansa):

Immagine 1 di 14
  • Francia: no riforma lavoro, scontri: auto lusso a fuoco16
  • epa05281369 Thousands of people protest against labor reform in Paris, France, 28 April 2016. In the back, a man holds poster stating 'Who needs who?'. Students, workers, seniors gave gathered today for the fourth general protest against French labor reform project. EPA/ETIENNE LAURENT
Immagine 1 di 14