Blitz quotidiano
powered by aruba

Indonesia, donna accusata di adulterio: cento frustate in pubblico FOTO

ROMA – Una donna della provincia indonesiana di Aceh è accusata di adulterio e viene frustata davanti a tutti. Aceh è l’unica provincia del paese asiatico in cui è in vigore la sharia e così la donna viene condannata a 100 frustate in pubblico. Stessa condanna per l’uomo. L’Ansa diffonde le foto in cui si vede solo la fustigazione pubblica della donna. Le immagini sono state scattate in queste ore e riprese anche dal Daily Mail. 

La sharia nel mondo arabo e musulmano è la Legge di Dio e, in quanto tale, rimane sconosciuta agli uomini.

Sebbene in alcuni stati a maggioranza musulmana la sharī‘a venga considerata come una fonte di diritto positivo, nell’Islam delle origini e per molti studiosi attuali essa è più propriamente un codice di comportamento etico che dovrebbe essere privo di potere coercitivo.

La sharia consentirebbe la pena di morte in quattro casi: omicidio ingiusto di una persona, adulterio (sia per l’uomo che per la donna), bestemmia contro Dio (da parte di persone di qualunque fede) e apostasia (ripudio totale del proprio credo). Tutte le altre sentenze di morte, quali ad esempio le condanne capitali per omosessualità in stati come l’Iran, la Nigeria o l’Arabia Saudita, sono quindi la conseguenza del disposto di legislazioni extra-sciaraitiche.

 

Immagine 1 di 5
  • Indonesia, donna accusata di adulterio2
Immagine 1 di 5