foto notizie

Maltempo, 500 italiani bloccati aeroporto Istanbul per tempesta neve: “Aiutateci” FOTO

  • Maltempo, 500 italiani bloccati aeroporto Istanbul per tempesta neve
  • Maltempo, 500 italiani bloccati aeroporto Istanbul per tempesta neve7
  • Maltempo, 500 italiani bloccati aeroporto Istanbul per tempesta neve6
  • Maltempo, 500 italiani bloccati aeroporto Istanbul per tempesta neve5
  • Maltempo, 500 italiani bloccati aeroporto Istanbul per tempesta neve4
  • Maltempo, 500 italiani bloccati aeroporto Istanbul per tempesta neve33
  • Maltempo, 500 italiani bloccati aeroporto Istanbul per tempesta neve
  • Maltempo, 500 italiani bloccati aeroporto Istanbul per tempesta neve8
  • Maltempo, 500 italiani bloccati aeroporto Istanbul per tempesta neve
  • Maltempo, 500 italiani bloccati aeroporto Istanbul per tempesta neve7
  • Maltempo, 500 italiani bloccati aeroporto Istanbul per tempesta neve6
  • Maltempo, 500 italiani bloccati aeroporto Istanbul per tempesta neve5
  • Maltempo, 500 italiani bloccati aeroporto Istanbul per tempesta neve4
  • Maltempo, 500 italiani bloccati aeroporto Istanbul per tempesta neve33
  • Maltempo, 500 italiani bloccati aeroporto Istanbul per tempesta neve
  • Maltempo, 500 italiani bloccati aeroporto Istanbul per tempesta neve8
Maltempo, 500 italiani bloccati aeroporto Istanbul per tempesta neve8

Maltempo, 500 italiani bloccati aeroporto Istanbul per tempesta neve

ISTANBUL – “Siamo a Istanbul da venerdì, bloccati all’aeroporto come profughi, abbiamo tantissima paura perché  voglio solo ricordare che la Turchia è il luogo di attentati e proprio in questo aeroporto, non molto tempo fa, dei terroristi hanno compiuto un massacro di pendolari come noi che aspettavano di poter partire”. A parlare è un avvocato toscano, Pina Biagini, che insieme con “almeno altri 500 italiani”, sono bloccati all’aeroporto della capitale turca poiché da venerdì, causa forte nevicata, non riescono a fare ritorno in Italia.

“Siamo disperati, qui c’è il caos e l’unica cosa che ti garantiscono è l’albergo per passare la notte ma, per motivi di sicurezza, non ci riconsegnano neanche i bagagli. Ieri – afferma Biagini parlando con l’Agi – siamo dovuti addirittura andare in giro per Istanbul a comprare mutande e calzini. Abbiamo cercato di contattare l’ambasciata, ma ci dicono che non ci sono voli e, quindi, siamo costretti a rimanere qui. Ci siamo informati e per domani non c’è alcun volo disponibile. Siamo – conclude Biagini – in balia di nessuno con i mitra della polizia addetta alla sicurezza in bella vista e con una paura che ti fa tremare. La nostra unica speranza è che da Roma qualcuno si passi la mano sulla coscienza e ci dia la possibilità di tornare a casa. Vogliamo solo questo”. E per documentare quello che sta accadendo, molti dei passeggeri italiani hanno postato delle foto su Twitter.

Ma cosa sta accadendo nella città turca? La megalopoli sul Bosforo è stretta nella morsa del gelo che non sembra placarsi, con una la tempesta di neve che, da ormai quattro giorni si è abbattuta sulla città. Si tratta della più intensa degli ultimi sette anni secondo il sindaco Kadir Topbas.

Fermi i traghetti che collegano Europa e Asia, cancellati dalla Turkish Airlines fino a questo momento almeno 227 voli, un bilancio che potrebbe aumentare considerando che solo ieri la compagnia di bandiera turca ha cancellato più di 600 voli.

Pegasus Airlines, la più importante low cost turca, ha cancellato 228 voli ieri e 74 oggi fino ad ora. Anche il traffico navale nel Bosforo è stato sospeso, fermi i tir a cui è stato vietato il passaggio nelle tangenziali di Istanbul.

To Top