Blitz quotidiano
powered by aruba

Mappa Islam: dove sono sciiti, sunniti e wahabiti

MILANO – Non solo estremisti islamici contro cristiani, ma anche musulmani contro musulmani. Lo scontro tra Arabia Saudita, sunnita, e Iran, sciita, è la conseguenza delle tensioni che si sono acuite negli ultimi tempi anche a causa del cosiddetto Isis o Daesh, da cui il mondo sciita ha preso con forza le distanze, cosa che quello sunnita ha fatto solo in parte, continuando, come nel caso della Turchia oltre che dell’Arabia Saudita, a finanziare o aiutare logisticamente i movimenti estremisti.

DOVE SI TROVANO I SUNNITI – Ma i sunniti non si trovano certo solo in questi due Paesi: del miliardo e seicento milioni di musulmani nel mondo, loro sono la quota più consistente. Si ritengono i veri, ortodossi, seguaci dell’insegnamento e della tradizione di Maometto, e hanno un maggiore legame tra religione e politica. Si trovano in Turchia, Egitto, Giordania, Sudan, Somalia, Yemen, Pakistan e Afghanistan, oltre che in Arabia Saudita.

I WAHHABITI – Nel regno saudita, però, è presente anche un altra forma ancora più estrema di islam: il wahhabismo. Il re Salman, legislatore del Paese, aderisce a questo movimento religioso dell’islam sunnita più conservatore. Il wahhabismo è praticato da un saudita su quattro, mentre gli altri praticano il più diffuso islam sunnita.

DOVE SI TROVANO GLI SCIITI – In Arabia Saudita gli sciiti sono una minoranza, circa un quarto della popolazione. Nel complesso, spiega un articolo del New York Times, nel Medio Oriente ci sono tre sciiti ogni cinque sunniti. La maggior parte degli sciiti si trova in Iran, ma anche in Paesi come l‘Azerbaijan, il Bahrein e l’Iraq. In Libano è sciita il partito e gruppo militare Hezbollah, in Siria è sciita il discusso presidente Bashar al Assad. In Yemen sono sciiti i ribelli Houthi, che si oppongono al governo del presidente Abd Rabbo Mansur Hadi, vicino all’Arabia Saudita.

Ecco qui la mappa disegnata da Michael Izady, storico e geogrago culturale della Columbia University, pubblicata dal New York Times. 

 


PER SAPERNE DI PIU'