foto notizie

Nero con borsone bloccato dai tornelli. Pubblicità Fs ritirata perché “razzista” FOTO

FIRENZE – Tornelli in stazione, nero con borsone bloccato. La pubblicità Fs giudicata razzista. L’immagine scelta da Grandi Stazioni alla stazione di Firenze Santa Maria Novella, scatena molte polemiche. Nel rendering affisso dalla società del gruppo Fs italiane sui cantieri della stazione di Firenze, dove in questi giorni sono in corso i lavori per la costruzione dei tornelli, si vede un uomo di colore con un grosso borsone in spalla bloccato all’esterno dei gate.
La scelta, a molti non è piaciuta. “E’ una campagna razzista schifosa – dice il consigliere comunale di Sinistra Italia Tommaso Grassi – è indegna e solletica la pancia della gente”. Il consigliere comunale fiorentino ha pubblicato un post sul suo profilo Facebook ripreso dall’emittente fiorentina Contro Radio subito diventato virale: “Foto di un ragazzo con un borsone, tipica iconografia del venditore abusivo, tenuto fuori dalla porta. Lì si entra solo con il biglietto. Meglio se bianchi? Meglio italiani?“, si legge nel post.

Grassi poi attacca: “A Grandi Stazioni non bastava aver trasformato Santa Maria Novella in un fortino, aver chiuso i passaggi dal binario 16 tanto utili a pendolari e lavoratori senza dover fare il giro tra le auto. A Grandi stazioni non bastava nemmeno aver chiuso gli accessi agli accompagnatori: basta con i saluti. Adesso hanno calato l’asso lanciando una campagna contro chi viaggio senza biglietto indegna, che solletica la pancia della gente”.

Tra i commenti c’è chi è d’accordo con il consigliere comunale e chi invece lo contesta. E nella serata di sabato arrivano le scuse da parte di Fs Italiane: “Non era intenzione da parte dell’azienda offendere nessuno, ci scusiamo se abbiamo urtato la sensibilità delle persone. L’immagine sarà rimossa immediatamente dai cantieri della stazione di Santa Maria Novella”.

To Top