foto notizie

Operaio Enel sul traliccio ghiacciato. FOTO contro le critiche

  • Operaio sul traliccio ghiacciato. FOTO operaio Enel mette a tacere le critiche01
  • Operaio sul traliccio ghiacciato. FOTO operaio Enel mette a tacere le critiche02
  • Operaio sul traliccio ghiacciato. FOTO operaio Enel mette a tacere le critiche03
  • Operaio sul traliccio ghiacciato. FOTO operaio Enel mette a tacere le critiche04
  • Operaio sul traliccio ghiacciato. FOTO operaio Enel mette a tacere le critiche05
  • Operaio sul traliccio ghiacciato. FOTO operaio Enel mette a tacere le critiche01
  • Operaio sul traliccio ghiacciato. FOTO operaio Enel mette a tacere le critiche02
  • Operaio sul traliccio ghiacciato. FOTO operaio Enel mette a tacere le critiche03
  • Operaio sul traliccio ghiacciato. FOTO operaio Enel mette a tacere le critiche04
  • Operaio sul traliccio ghiacciato. FOTO operaio Enel mette a tacere le critiche05

ROMA – Un tecnico dell’Enel arrampicato su un traliccio ghiacciato. Con questa foto un operaio della compagnia elettrica, Luca Ciuco, ha voluto mettere a tacere le numerose critiche piovute in questi giorni sugli addetti alla manutenzione degli impianti, durante l’emergenza maltempo e terremoto che ha sconvolto il Centro Italia.

Ciuco ha pubblicato sulla sua pagina Facebook alcune foto delle drammatiche condizioni in cui i tecnici si sono trovati a intervenire per rendere accessibili le zone rimaste isolate.

“Ho messo queste foto – si legge nel post – perché c’è molta gente che apre bocca e gli dà fiato, senza sapere cosa dicono, però nessuno si è minimamente documentato”

“Queste sono solo 4 foto – prosegue lo sfogo – ma in ogni foto c’è il coraggio, il senso di responsabilità e il senso di dovere nel ridare il prima possibile la luce a tutta la popolazione in difficoltà”.

Il tecnico infine fa notare:

“Se cadono dai 2 ai 3 metri di neve e gli impianti collassano, e non riesci a raggiungere i posti, la cosa diventa ancora più difficile”.

Le foto hanno fatto il giro del web raccogliendo il sostegno di numerosi utenti che hanno apprezzato il lavoro svolto. A puntare il dito contro la compagnia elettrica, questa mattina, è stato proprio il governatore dell’Abruzzo, Luciano D’Alfonso, in collegamento con Gerardo Greco ad Agorà:

“Enel ha il dovere di controllare – ha accusato il governatore – 50 milioni di investimenti effettuati nel 2016 devono dare luogo a un’imponente quantità di chilometri di rete rinnovati. Questo è il dato che voglio approfondire. Ho già avvertito i vertici di Enel, lo farò appena superata l’emergenza”.

Dall’inizio dell’emergenza, secondo quanto comunicato da Enel in una nota di domenica 22 gennaio, la task-force di e-distribuzione ha progressivamente rialimentato oltre 200 mila utenze. 

 

To Top