Blitz quotidiano
powered by aruba

Pinocchio “superdotato”: statua fa scandalo, lo fanno evirare

SIENA – Un Pinocchio “superdotato” proprio accanto alla scuola elementare. I genitori insorgono e il Comune lo fa “evirare”. Accade a Casole d’Elsa, in provincia di Siena, dove il monumento al burattino di Collodi ha fatto scandalo.

L’opera, non a caso intitolata “Lussuria”, dell’artista Francesco Battaglini, era stata installata, su iniziativa dello stesso Comune a inizio ottobre nel Parco della Rimembranza, vicino alle scuole elementari del paese. Doveva essere una scultura ironica, irriverente come tutte le provocazioni: le dimensioni extra del naso e del “fallo”, simboleggiavano le bugie anche amorose. Avrebbero potuto spostarla e invece hanno scelto di deturparla.

Come aveva spiegato lo stesso artista:

“L’opera nasce da un’idea di rappresentare i 7 vizi capitali e le 4 virtù cardinali, interpretati dal burattino più famoso del mondo. Tutto questo lavoro per mostrare ciò che, secondo me, è l’uomo, fatto di pregi e difetti, raccontato in modo ironico da un burattino irriverente che non teme di mostrarsi per ciò che è, perché lui è un puro, nel bene e nel male”.

Al momento dell’installazione, sabato scorso, anche il sindaco di Casole, Pio Pii, era presente, soddisfatto della scultura. Lo erano meno i genitori che, lunedì mattina, portando a scuola i loro figli sono rimasti basiti.

 

Così il sindaco Pii ha fatto dietrofront, definendo “infelice” e “fuori contesto” la scelta del luogo. Il Comune fa sapere di aver concordato con l’artista il taglio del viril membro. E Battaglini conferma: “Mai mi sarei sognato una reazione simile che ha portato alla rimozione di un pezzo della mia opera, concordata con il sindaco ovviamente”.

Immagine 1 di 1
  • Pinocchio "superdotato": statua fa scandalo, lo fanno evirarePinocchio "superdotato": statua fa scandalo, lo fanno evirare
Immagine 1 di 1