Blitz quotidiano
powered by aruba

Scuola scrive a genitori: “Non fatevi canne qui vicino” FOTO

La lettera-appello è stata scritta dalla preside della scuola elementare St. John di Radcliffe, vicino a Manchester

MANCHESTER – Scuola elementare scrive ai genitori dei piccoli alunni: “Non fatevi le canne quando portate o venite a prendere i vostri figli”. La lettera-appello è stata scritta dalla preside della scuola elementare St. John di Radcliffe, vicino a Manchester, ci informa il quotidiano britannico Metro. 

“Abbiamo ricevuto allarmanti racconti di genitori che si fanno le canne vicino a scuola quando vengono a portare o a prendere i propri figli. Questi comportamenti sono stati notati da altri genitori ma anche da alcuni dei bambini più grandi, è scritto nella lettera firmata dalla preside Deborah Binns. 

Si tratta di qualcosa di estremamente preoccupante e se ci saranno nuove segnalazioni ne parleremo con le autorità preposte. Abbiamo informato la vigilanza di quartiere e loro si sono detti disponibili a chiudere un occhio sulla situazione.

Per favore, rispettate la nostra scuola come un luogo di apprendimento e fate in modo di essere un esempio all’interno della comunità”.

Non è chiaro quanti genitori siano stati visti farsi le canne, ma la polizia monitorerà la zona nelle prossime settimane.

Il professor Jason Harvey dal canto suo ha aggiunto:

“La nostra preside ha ricevuto due genitori molto preoccupati da questa situazione. Per questo motivo è stato deciso di inviare quella lettera. Non sappiamo quanti sono stati visti fare uso di cannabis vicino a scuola. Ci sono genitori meravigliosi e vogliamo ricordare a tutti che questa è una scuola. Ci sono cose che è appropriato fare qui e cose che non lo sono”.

Sulla pagina Facebook della scuola di Radcliffe qualcuno ha scritto:

“Di sicuro le persone che fumano possono aspettare di arrivare a casa o quanto meno di allontanarsi da scuola per farlo”.

E qualcun altro ha aggiunto:

“E’ del tutto fuori luogo, il 90 per cento dei genitori di quella scuola non vorrebbe avere i propri figli in un ambiente simile”.

 


PER SAPERNE DI PIU'