foto notizie

Sfila scarpa all’amico e la getta dal finestrino: lui lo u****e con un pugno FOTO

  • Sfila scarpa all'amico e la getta dal finestrino lui lo uccide con un pugno 2
  • Sfila scarpa all'amico e la getta dal finestrino lui lo uccide con un pugno 3
  • Sfila scarpa all'amico e la getta dal finestrino lui lo uccide con un pugno
  • Sfila scarpa all'amico e la getta dal finestrino lui lo uccide con un pugno 2
  • Sfila scarpa all'amico e la getta dal finestrino lui lo uccide con un pugno 3
  • Sfila scarpa all'amico e la getta dal finestrino lui lo uccide con un pugno
Sfila scarpa all'amico e la getta dal finestrino lui lo u****e con un pugno

La vittima Tom Tom Hulme

LONDRA – Sfila la scarpa all’amico e la getta fuori da finestrino. L’amico reagisce con un pugno che gli provoca un’emorragia cerebrale mortale. La vittima si chiama Tom Hulme, un 23enne di Leeds che lavorava nella City di Londra: il giovane è morto per un’emorragia cerebrale causata da un pugno alla nuca ricevuto da Alexander Thompson, un 33enne che era in macchina con lui. Thompson non aveva gradito vedersi sfilare una scarpa e vederla lanciare fuori dal finestrino da Tom.

Tom probabilmente non aveva capito quale fosse il grado di ubriachezza raggiunto da Alexander che aveva già tre precedenti penali per provocate dall’ubriacatura. Quel giorno, l’uomo aveva bevuto quattro pinte di birra a pranzo e in seguito aveva tracannato altre cinque bottiglie di birra, quattro bicchieri di vodka.

La tragedia è avvenuta il 26 agosto scorso. Tom aveva sfilato una scarpa e l’aveva gettata in mezzo alla strada sfidandolo ad andare a riprenderla. La reazione però non è stata molto amichevole. Alexander era privo di freni inibitori ed ha sferrato un pugno alla nuca attraverso il poggiatesta all’amico. Sulle prime non è sembrato a nessuno un colpo particolarmente violento, tanto che Tom è poi sceso dall’auto continuando a discutere con Alexander. Poco dopo però, il ragazzo è crollato in terra ed è stato ricoverato in ospedale, dove è morto per un’emorragia il giorno dopo.

Thompson ha subito ammesso le proprie responsabilità ed è stato condannato a tre anni.

 

To Top