foto notizie

Terremoto, scossa 4.1 a Spoleto FOTO: nuovi sfollati si sommano a quelli del 24 agosto

  • Terremoto, scossa 4.1 a Spoleto7
  • Terremoto, scossa 4.1 a Spoleto
  • Terremoto, scossa 4.1 a Spoleto6
  • Terremoto, scossa 4.1 a Spoleto5
  • Terremoto, scossa 4.1 a Spoleto4
  • Terremoto, scossa 4.1 a Spoleto3
  • Terremoto, scossa 4.1 a Spoleto2
  • Terremoto, scossa 4.1 a Spoleto7
  • Terremoto, scossa 4.1 a Spoleto
  • Terremoto, scossa 4.1 a Spoleto6
  • Terremoto, scossa 4.1 a Spoleto5
  • Terremoto, scossa 4.1 a Spoleto4
  • Terremoto, scossa 4.1 a Spoleto3
  • Terremoto, scossa 4.1 a Spoleto2
Terremoto, scossa 4.1 a Spoleto7

Azzano di Spoleto

SPOLETO (PERUGIA) – Ha provocato alcuni danni a vari edifici, tra cui il crollo parziale di un tetto e la caduta di alcuni comignoli, ma nessun ferito, la scossa di terremoto di magnitudo 4.1 registrata la notte scorsa a nord di Spoleto, con epicentro nei pressi di Campello sul Clitunno in provincia di Perugia. I vigili del fuoco sono tuttora impegnati nelle verifiche dei danni e nell’abbattimento delle parti pericolanti. Il crollo del tetto è avvenuto nella frazione spoletina di Azzano.

Gli sfollati delle frazioni spoletine di Azzano, San Giacomo e Palazzaccio sono in tutto 400. Questa notte potranno trovare alloggio al Palatenda di Spoleto. Il sindaco, Fabrizio Cardarelli, subito dopo la scossa di 4.1 di magnitudo che si è registrata alle 4:36 tra Spoleto e Campello sul Clitunno, ha predisposto l’allestimento della struttura “per ospitare gli abitanti di queste tre frazioni, dove il sisma ha creato dei danni ingenti alle abitazioni”, spiega lo stesso Cardarelli.

Al momento un numero preciso di sfollati ancora non c’è, “ma fortunatamente le frazioni colpite non registrano molti abitanti”, sottolinea il sindaco, che però pone il problema della lentezza dei sopralluoghi finora espletati nel territorio di Spoleto: “Dal terremoto del 24 agosto a oggi – sottolinea – abbiamo oltre 5.000 richieste di verifiche, ma purtroppo ci hanno assegnato solamente due squadre di tecnici e così fino a ora siamo riusciti ad espletarne soltanto 2.000. I danni creati dai terremoti di agosto e ottobre qui a Spoleto – aggiunge Cardarelli – sono stati completamente sottovalutati: e pensare che abbiamo già circa 400 persone sfollate e adesso siamo chiamati a fronteggiare la nuova emergenza che si è venuta a creare con la scossa di questa mattina” (le foto Ansa scattate ad Azzano di Spoleto).

San raffaele

 

 

To Top