Blitz quotidiano
powered by aruba

Trapianto di faccia, ecco com’è Joanna tre anni dopo FOTO

GLIWICE – Dopo essere rimasta sfigurata al volto a causa di un enorme tumore facciale benigno Joanna, una donna polacca di 29 anni, oggi venerdì 28 ottobre ha mostrato il suo nuovo volto. Lo ha fatto durante una conferenza stampa che si è tenuta al centro oncologico di Gliwice in cui è stata operata. Joanna è finita sotto ai ferri perché era affetta da neurofibromatosi, malattia genetica che causa tumori benigni (quindi né maligni, né contagiosi) che crescono lungo i nervi e che in alcuni casi creano seri problemi estetici e funzionali.

Come capita a chi viene colpito da questa malattia, Joanna aveva il volto deforme e non poteva più masticare, parlare e deglutire. Grazie ad un intervento durato 23 ore, la donna ha avuto un nuovo volto ed oggi, per la prima volta, ha mostrato il suo volto. Accanto a lei Adam Maciejewski, il medico che l’ha operata.

La donna ha ancora delle  cicatrici sulla fronte e sul collo, ma le deformità sono scomparse e ha ripreso tutte le funzioni vitali. Durante l’operazione è stato sostituito l’80 per cento della pelle del viso. Il suo donatore  era un ragazzo morto dopo un incidente stradale.

Il trapianto di faccia è una tecnica chirurgica relativamente nuova. Il primo trapianto è stato eseguito nel 2010 in Spagna ed attualmente viene eseguito anche in Belgio, Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti.  Nel caso di Joanna, il tumore facciale non tonerà perché la nuova pelle è formata da geni sani.

Immagine 1 di 5
  • Trapianto di faccia, ecco com'è Joanna tre anni dopoJoanna oggi
  • Joanna oggi
  • Joanna prima dell'operazione
  • Joanna prima dell'operazione
Immagine 1 di 5

PER SAPERNE DI PIU'