Blitz quotidiano
powered by aruba

Vesuvio, fumo e fiamme nel Parco: incendio doloso domato

NAPOLI – Una densa colonna di fumo e le fiamme hanno inghiottito il Parco Nazionale del Vesuvio, a Napoli, e sono stati necessari due Canadair per poter sedare le fiamme divampate tra il 20 e il 21 luglio. Il rogo ha interessato una grande parte del bosco del parco del Vesuvio e dopo un duro lavoro dei vigili del fuoco nella parte a valle e del servizio antincendio della Regione Campania la situazione è tornata sotto controllo e l’incendio è stato domato. Intanto ci si prepara ad una vasta azione di bonifica e si teme che l’incendio possa riprendere forza e che si tratti di un rogo doloso.

Al lavoro, tra i volontari, anche il sindaco di Terzigno, Francesco Ranieri, il presidente del Consiglio comunale e numerosi consiglieri. Agostino Casillo, presidente dell’Ente Parco Nazionale del Vesuvio, ha dichiarato:

“Siamo in costante contatto con la centrale operativa regionale . Ieri (20 luglio, ndr) hanno lavorato cinque velivoli, due Canadair e tre elicotteri. Da stamattina pattugliano la zona due aerei anche perché sono in procinto di partire le squadre della Regione Campania, da terra, per l’avvio delle bonifiche. Quanto è successo ci fa capire che abbiamo bisogno di un controllo più assiduo dell’area, inoltre sono alte le probabilità che l’incendio sia di natura dolosa: è partito da quattro focolari e questo fa pensare forse a un disegno criminale. La Forestale accerterà e individuerà eventuali responsabili”.

Immagine 1 di 4
  • Vesuvio, fumo e fiamme nel Parco: incendio doloso domato
Immagine 1 di 4