foto notizie

YOUTUBE-FOTO Hotel Rigopiano travolto da slavina: due salvi, dentro altri 20

  • Hotel Rigopiano travolto da slavina due salvi, dentro altri 208
  • Hotel Rigopiano travolto da slavina due salvi, dentro altri 202
  • Hotel Rigopiano travolto da slavina due salvi, dentro altri 203
  • Hotel Rigopiano travolto da slavina due salvi, dentro altri 2077
  • Hotel Rigopiano travolto da slavina due salvi, dentro altri 208
  • Hotel Rigopiano travolto da slavina due salvi, dentro altri 202
  • Hotel Rigopiano travolto da slavina due salvi, dentro altri 203
  • Hotel Rigopiano travolto da slavina due salvi, dentro altri 2077
Hotel Rigopiano travolto da slavina due salvi, dentro altri 20

Un’immagine dell’hotel sotto la neve inviata dai soccorritori

FARINDOLA – Sarebbe in parte crollato e in parte sommerso dalla neve l’hotel Rigopiano di Farindola, in provincia di Pescara, travolto da una valanga dopo il terremoto mentre ospitava almeno 22 persone.

I soccorritori non sono ancora riusciti ad entrare nella struttura, dalla quale non provengono voci ma al cui interno si vedono delle luci. Due persone che al momento dell’incidente si trovavano all’estero sono state intanto messe in salvo. I mezzi di soccorso rimangono bloccati a circa 6 km dall’albergo, a causa della neve alta e dei numerosi alberi crollati sul tragitto. I soccorritori giunti finora hanno infatti dovuto raggiungere l’hotel sugli sci. Si attende l’arrivo di un ‘bruco’, un piccolo gatto delle nevi che potrebbe riuscire a farsi strada e che può trasportare fino a otto persone.

Le due persone messe in salvo sono Giampiero Parete e Fabio Salzetta.  I due al momento dell’incidente erano all’esterno della struttura e hanno visto la slavina arrivare. Risultano in buone condizioni fisiche; si erano riparati all’interno di un’auto. Al momento nessuna informazione disponibile sugli altri occupanti dell’albergo.

Al momento della valanga l’hotel ‘Rigopiano’ di Farindola, in provincia di Pescara, ospitava 22 persone più il personale della struttura. Lo afferma la Protezione civile del Comune di Penne (Pescara), in base ai dati in possesso della Questura sugli ospiti registrati dall’albergo.

“Causa maltempo le linee telefoniche sono fuori servizio! Vi invitiamo a contattaci all’indirizzo [email protected]”. E’ il messaggio pubblicato ieri sulla pagina Facebook dell’hotel ‘Rigopiano’. Decine, poi, i commenti al post da parte di utenti che chiedevano informazioni una volta appresa la notizia della valanga che ha travolto l’hotel.

“Sono in salvo due persone, le stesse che avevano mandato il messaggio di aiuto. Ci sono parecchi feriti, ma non si sa ancora quanti sono ancora dispersi o addirittura morti. Certo che la struttura è stata presa in pieno dalla slavina, tanto che si è spostata di dieci metri”. Lo scrive in un post sul suo profilo Facebook il presidente della Provincia di Pescara, Antonio Di Marco.

“Siamo nella colonna mobile in cammino verso l’hotel Rigopiano. Sul posto ci sono finora solo i soccorritori arrivati con gli sci”. Queste le parole del sindaco di Farindola, Ilario Lacchetta, raggiunto dall’ANSA. La colonna mobile non era infatti riuscita a procedere nella notte. E circa intorno alle 6 il sindaco aveva affidato alcune riflessioni al presidente della Provincia di Pescara, Antonio Di Marco che le aveva postate su Facebook: “Il soccorso alpino con gli sci è arrivato sul posto. La valanga è di grandi dimensioni e ha coinvolto integralmente l’hotel – afferma il sindaco – che pare abbia retto. Dentro si vede una lucina e adesso gli uomini stanno entrando. La zona resta pericolosa per eventuali distacchi e per adesso è impossibile cercare eventuali dispersi nella neve. Preghiamo che siano tutti salvi” (foto Ansa dell’hotel sepolto dalla neve e dei soccorritori).

 

 

To Top