Blitz quotidiano
powered by aruba

Cani e gatti: farsi leccare in faccia è pericoloso per la salute? Sì e no…

ROMA – Cani e gatti: farsi leccare in faccia è pericoloso per la salute? “Non lascerò mai ad un cane la possibilità di leccarmi il volto”, dichiara John Oxford, di professione virologo presso la Queen Mary University di Londra. “La bocca degli animali è un enorme contenitore di batteri, virus e lieviti”, sentenzia sul New York Times Neilanjan Nandi, professore di medicina all’università di Philadelphia. Ne consegue che farsi leccare dal proprio cane, farsi le coccole muso a muso con il gatto di casa è dannoso per la nostra salute?

Sì e no, la risposta è interlocutoria. Sì, perché oltre a benefiche proteine che aiutano la lingua a cauterizzare e disinfettare, cani e gatti la stessa lingua la mettono direttamente a contatto con ogni superficie stradale, non disdegnando feci e carcasse. No, perché allora dovremmo considerare come pericolose tante altre “avventure” quotidiane, come aprire una maniglia piena zeppa di batteri o distribuire baci a destra e a manca con chiunque si voglia salutare.

“E’ meno rischioso che baciare una persona – spiega a La Repubblica Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università di Milano e direttore sanitario dell’Istituto Galeazzi – , la trasmissione di malattie che riguardano gli uomini è ben più facilitata perché il nostro corpo è predisposto”. Un compromesso tra i due interessi concomitanti – l’irrinunciabile dialogo fisico con i nostri animali e un necessario principio di precauzione igienica – è tuttavia possibile. E’ sempre il professor Pregliasco a indicare la via.

E’ vero, salmonella, escherichia coli, ed altre patologie gastrointestinali trovano facile ospitalità sulle lingue dei nostri amici animali e i rischi di infezione esistono eccome. Ma, spiega il professore, “la cute del padrone è una barriera inespugnabile. La trasmissione può avvenire quando la lingua del cane o del gatto tocca le mucose presenti negli occhi, nel naso e nella bocca di una persona”. Baci sì, allora , ma senza esagerare con l’intimità.