Blitz quotidiano
powered by aruba

Cannabis terapeutica per cani e gatti: “Così il mio micio è rinato”

NEW YORK – I principi attivi della marijuana, in particolare il cannabidiolo (CBD), si stanno rivelando utili per combattere ansia, infiammazioni e dolore negli animali. Così dopo la battaglia per la legalizzazione della cannabis terapeutica per gli esseri umani malati arriva anche quella per legalizzare la cannabis terapeutica per cani e mici.

Il New York Times ha raccolto le testimonianze di alcuni padroni di animali che hanno sperimentato la mrijuana per i loro amici. Come Lisa Mastramico, che le aveva provate tutte per alleviare i dolori dell’artrite nella sua gatta di dodici anni, che per il male che provava non usciva nemmeno più dal bagno. E adesso, dopo aver seguito una terapia a base di cannabis, sta molto meglio: è tornata a giocare con l’altra gatta di casa e si mette al sole in salotto, come faceva un tempo.

Maria Ellis Perez ha raccontato della sua puzzola di dodici anni, che a causa della cataratta non riusciva più a fare nulla e aveva persino smesso di mangiare. Da quando ha iniziato la cura a base di cannabis sembra molto più serena.

Al momento la Food and Drug Administration, l’ente governativo americano che si occupa dei farmaci, non ha ancora approvato la cannabis per gli animali, eppure i risultati sono ottimali. E non solo su cani e gatti: il New York Times sottolinea come anche maiali, cavalli e altri animali selvaggi addomesticati ne possono trarre beneficio.

 

 


PER SAPERNE DI PIU'