Blitz quotidiano
powered by aruba

Cucciolo delfino con rete da pesca intorno alla testa FOTO

CAIRNS – Un cucciolo di delfino nuota nel mare del Queensland australiano, con una rete da pesca intorno al collo. A fotografarlo è Isabel Beasley, una ricercatrice della James Cook University. La foto realizzata al largo di Cairns nella parte nord dello Stato australiano, ha fatto scattare una ricerca che ha lo scopo di salvare il mammifero.

Il piccolo delfino era stato avvistato già per ben due volte a fine settembre. Ora però gli scienziati marini temono che, nel caso non venisse soccorso, potrebbe morire entro pochi giorni. La madre, secondo quanto raccontato dalla Beasley, sembra in buona salute. A non stare affatto bene è il piccolo.

“Durante il mio lavoro di indagine svolto nella regione di Cairns purtroppo ho visto grandi quantità di rifiuti in acqua. Si tratta di oggetti che possono essere fatale per le creature marine. Il portavoce del World Wide Fund australiano, Darren Grover, ha detto che si tratta di un caso che mostra bene quale sia l’impatto dei rifiuti sulla vita marina: “Quella rete causa la morte del cucciolo penetrando sempre più in profondità”.

Secondo stime fatte dal governo australiano lo scorso aprile, più del 50 per cento delle tartarughe marine di tutto il mondo hanno ingerito rifiuti marini. Se non si interverrà, il 99 per cento degli uccelli marini, nel 2015 avranno ingerito plastica. Uno studio dal World Economic Forum parla di più di 150 milioni di tonnellate di rifiuti negli oceani. Tra questi, la parte del leone la fa la plastica. Non mancano però parti di reti da pesca ed altri oggetti simili.

Immagine 1 di 4
  • Cucciolo delfino con rete da pesca intorno alla testa3
Immagine 1 di 4

PER SAPERNE DI PIU'