gatti, cani e altri animali

Mosche sul cibo, che fare? Bisogna buttare gli alimenti

Mosche sul cibo, che fare? Bisogna buttare gli alimenti

Mosche sul cibo, che fare? Bisogna buttare gli alimenti

ROMA – Mosche sul cibo, che fare? Bisogna buttare gli alimenti. Ci limitiamo a scacciarle via con una mano infastiditi, ma con le mosche che atterrano sui cibi delle nostre tavole imbandite andrebbero usati metodi meno aleatori, più efficaci per il nostro benessere: in sostanza, dicono gli esperti, quel cibo contaminato dovremmo buttarlo via, non mangiarlo.

Perché le mosche sono insetti sporchi: ognuno con le sue zampette pelose trasporta duecento tipi di germi nocivi, di batteri insani. Perché si posano sulle feci animali trattenendo tracce che poi depositano sulle nostre pietanze, con preferenza per frutta e cibi cotti, meglio se zuccherini.

Secondo Ron Harrison, entomologo e direttore dei servizi tecnici di controllo dei parassiti di Orkin,  “le mosche possono trasferire gravi malattie contagiose come il colera, la dissenteria e il tifo, è meglio se si evita di mangiare cibi in cui gli insetti si sono poggiati”. Anche perché, e non lo sapevamo, spesso non si posano solamente sul cibo, ma ci vomitano sopra.

Rimedi? Detto che la porzione contaminata andrebbe buttata, ci si può industriare in qualche modo. Per esempio allestendo un’esca a base di zucchero o miele che attirerà il grosso delle mosche proteggendo il resto delle cibarie. Oppure proteggendo la tavola con una retina tipo zanzariera. Se in giardino, si possono usare deterrenti facilmente accessibili.

To Top