gatti, cani e altri animali

Ottanta falchi viaggiano a bordo di un aereo di linea FOTO

  • Ottanta falchi viaggiano a bordo di un aereo di linea3
  • Ottanta falchi viaggiano a bordo di un aereo di linea2
  • Ottanta falchi viaggiano a bordo di un aereo di linea
  • Ottanta falchi viaggiano a bordo di un aereo di linea44
  • Ottanta falchi viaggiano a bordo di un aereo di linea3
  • Ottanta falchi viaggiano a bordo di un aereo di linea2
  • Ottanta falchi viaggiano a bordo di un aereo di linea
  • Ottanta falchi viaggiano a bordo di un aereo di linea44
  Ottanta falchi viaggiano a bordo di un aereo di linea

Ottanta falchi viaggiano a bordo di un aereo di linea

ROMA – Un utente di Reddit, lunedì 30 gennaio ha pubblicato una fotografia in cui si vedono decine di falchi che viaggiano a bordo di un aereo di linea. Insieme ai rapaci, a bordo ci sono alcuni uomini con la  ghutra, i tipici copricapi che si indossa in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti L’utente che ha pubblicato l’immagine ha scritto: “Un mio amico pilota mi ha mandato questa foto. Un principe saudita ha comprato biglietti aerei per i suoi 80 falchi”. Il Daily Mail ha rilanciato la foto pubblicando oltre a quella dei falchi, anche la foto dei biglietti acquistati.

Nei paesi del golfo Persico la falconeria è molto praticata. Per questo le compagnie aeree locali come Etihad, Emirates e Qatar Airways hanno regole specifiche per il trasporto degli uccelli addestrati per andare a caccia. I prezzi dei biglietti sulle compagnie del Medio Oriente vanno dai 100 euro ai 600 ad uccello. La differenza di prezzo la fa la razza.

Sul sito di Qatar Airways, a proposito di questo trasporto c’è scritto: “Per ogni passeggero è consentito portare un falcone a bordo della cabina Economy e un massimo di sei falconi possono viaggiare nella cabina Economy (tenendo conto delle diverse regole da paese a paese)”. Su quello di Etihad invece: “Accettiamo il trasporto di falconi in cabina se provvisti di tutti i documenti necessari. Accettiamo anche i falconi come carichi da stiva”.

I documenti necessari sono un tipo particolare di passaporto fatto apposta per gli uccelli rapaci, che è stato introdotto nel 2002 per cercare di contrastare il furto dei falconi, che sono animali molto cari che arrivano a costare quasi un milione di euro. Per questa ragione, ogni falcone che viaggia su un aereo deve indossare un anello di riconoscimento che corrisponde allo stesso numero riportato sul proprio passaporto. Durante il volo gli animali indossano un cappuccio per non spaventarsi e rimanere calmi. nel caso invece di quanto accaduto a bordo dell’aereo in questione, i falchi hanno la testa scoperta e sono ancorati a delle casse di cartone per evitare che volino a bordo del velivolo.

To Top