Blitz quotidiano
powered by aruba

Terremoto L’Aquila, morto Pluto: addio al cane simbolo

L’AQUILA – “Il nostro amato Pluto se n’è andato”. Il cane meticcio simbolo del terremoto a L’Aquila è morto il 20 maggio. Pluto era una presenza fissa a tutti gli appuntamenti pubblici, dalle assemblee cittadine nell’immediato post-sisma ai grandi cortei con decine di migliaia di persone per la lotta alla restituzione delle tasse sospese, dal Corteo della Bolla della Perdonanza fino agli eventi istituzionali.

Il meticcio ha ‘accolto’ anche il premier Matteo Renzi, martedì scorso fuori l’auditorium del Parco, come fatto negli anni con i predecessori Mario Monti e Silvio Berlusconi. “Il centro storico lo ha visto per molti anni libero e padrone delle strade, anche dopo che il terremoto ha spopolato la città. Pluto era però ormai vecchio e da alcuni mesi le sue condizioni fisiche erano molto precarie”.

La pagina Facebook “Cani dell’Aquila” ha salutato così il piccolo Pluto che li ha accompagnati nel post-terremoto:

“Amiche e amici, non avremmo mai voluto scrivere questa notizia. Perdonate se non potremo rispondere a commenti e messaggi, è davvero un momento di grande dispiacere.
Il nostro amato Pluto se n’è andato.

Era “Ju cane” per antonomasia dell’Aquila, detto anche “Il sindaco” per la sua abitudine di presenziare a tutte le più importanti manifestazioni cittadine, dalle processioni ai raduni alle parate, che guidava con orgoglioso presenzialismo. Il centro storico lo ha visto per molti anni libero e padrone delle strade, anche dopo che il terremoto ha spopolato la città. Pluto era però ormai vecchio e da alcuni mesi le sue condizioni fisiche erano molto precarie.

Alla neoplasia ossea che si era manifestata già da qualche anno (visibile anche nel rigonfiamento delle zampe anteriori) si erano aggiunti problemi articolari e neurologici. Già nello scorso settembre, un generale decadimento delle sue condizioni di salute aveva fatto temere il peggio.

Per questo, da mesi Pluto era seguito con particolare attenzione e accudito con amore e dedizione: imboccato per farlo mangiare, controllato più volte al giorno nei suoi ormai brevi spostamenti, monitorato periodicamente dal veterinario della Asl, sottoposto alle cure necessarie per alleviare i suoi disturbi.

Due giorni fa il suo stato è improvvisamente e drasticamente peggiorato: a causa di un’ulcera alla bocca e probabilmente alla diffusione della neoplasia di cui soffriva, non riusciva più a nutrirsi e nemmeno a bere. Ricoverato al canile sanitario della Asl, il veterinario responsabile, che pure lo ha sottoposto a cure e reidratazione, non ha potuto far altro che constatarne lo stato già agonico. Pluto si è addormentato senza soffrire.

E’ vissuto a lungo, libero e amato. E’ stato accudito e curato al meglio quando la sua fibra forte e il suo carattere orgoglioso hanno dovuto cedere alla vecchiaia.Lo abbiamo seguito in mille avventure, e gli abbiamo salvato la vita in più di un’occasione, riuscendo a garantirgli fino alla fine quella libertà che più di ogni altra cosa amava. Ha mangiato ottime polpette e accompagnato i turisti col suo passo ormai incerto fino al penultimo giorno di vita.

Rimarrà per sempre con noi”.

(Foto Facebook)

Immagine 1 di 5
  • Terremoto L'Aquila, morto Pluto: addio al cane simboloTerremoto L'Aquila, morto Pluto: addio al cane simbolo
Immagine 1 di 5

PER SAPERNE DI PIU'