Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE India, libera 285 serpenti nella foresta: “Sono nostri amici”

ROMA – Saleem Khan è conosciuto come “Saleem Saap wale”, ossia “Salem con i serpenti”. L’uomo è il direttore di un centro di ricerca che si trova nella regione di Bhopal in India ed ha fatto della protezione dei rettili la sua missione di vita, tanto da dichiarare di avere una sorta di legame spirituale con loro. Per questa ragione, Khan tiene corsi nelle scuole ed educa la popolazione locale al rispetto di questo animale, spiegando quali siano le specie velenose e come comportarsi per non correre rischi.

Saleem si batte contro l’uccisione indiscriminata di serpenti causata da credenze popolari che li dipingono come esseri malefici. In un video girato nella foresta di Hoshangabad, “il guru dei serpenti” ne libera 285 esemplari. Per districarli, l’uomo usa le mani . Si tratta di serpenti di ogni specie: cobra, serpenti ratto, vipere. Li cattura nei villaggi vicino alle case gratuitamente, per poi liberarli in questi luoghi non abitati. Al Daily Mail racconta: “Ho scelto di rilasciali verso sera. La terra è più fredda di sera. Se fosse calda potrebbero soffrire. I serpenti preferiscono sempre stare in posti freddi. Ho liberato questi 285 serpenti dopo essermi accertato che nelle vicinanze non ci sono abitazioni”.

Dopo averli versati a terra, Saleem li accarezza. Poi fa una specie di rito che sembra una preghiera. “Abbiamo bisogno di salvare i serpenti. Sono nostri amici e non dei nemici. Sono amici degli agricoltori in quanto li aiutano ad uccidere i ratti che vivono nei campi. Catturo circa 25-30 serpenti ogni giorno in tutta la regione. Finora liberato circa 220mila serpenti nella giungla del Panchmadhi” ha concluso il “guru dei serpenti”.

Immagine 1 di 6
  • India, libera 285 serpenti nella foresta: "Sono nostri amici"3
Immagine 1 di 6


PER SAPERNE DI PIU'