gatti, cani e altri animali

YOUTUBE Leone fermo sulla strada: ranger lo accarezza e…

  • Leone fermo sulla strada: ranger lo accarezza3
  • Leone fermo sulla strada: ranger lo accarezza2
  • Leone fermo sulla strada: ranger lo accarezza
  • Leone fermo sulla strada: ranger lo accarezza7
  • Leone fermo sulla strada: ranger lo accarezza6
  • Leone fermo sulla strada: ranger lo accarezza5
  • Leone fermo sulla strada: ranger lo accarezza4
  • Leone fermo sulla strada: ranger lo accarezza3
  • Leone fermo sulla strada: ranger lo accarezza2
  • Leone fermo sulla strada: ranger lo accarezza
  • Leone fermo sulla strada: ranger lo accarezza7
  • Leone fermo sulla strada: ranger lo accarezza6
  • Leone fermo sulla strada: ranger lo accarezza5
  • Leone fermo sulla strada: ranger lo accarezza4

GLENGARRIFF – Un leone testardo si rifiuta di lasciare la strada finché non riceve una richiesta esplicita da parte del suo ranger preferito. Smokey è un leone che vive nel Glengarriff Conservation Park a Harrismith in Sudafrica. A farlo muovere alla fine è Mike, il direttore della struttura. Il ranger, come mostra il video YouTube, inizia a coccolare e ad accarezzare la sua criniera. Suzanne Scott che lavora anch’essa per la struttura, racconta al Daily Mail che Smokey si comporta così molto spesso.

“Non possiamo pretendere di sapere sempre cosa pensano i leoni”, spiega Suzanne. Smokey però è particolare. “E’ nostra convinzione che Smokey richieda particolari attenzioni da Mike, che è la sua persona preferita. D’altronde il leone è un grosso gatto. E  tutti sappiamo quello che vogliono i gatti” conclude la donna.

Glengarriff ospita 80 leoni che nella struttura vengono curati e studiati. Nel luogo si mira a preservare il patrimonio genetico leone africano. Ciò comporta una selezione e l’allevamento di otto gruppi familiari che vivono in libertà. Suzanne Scott conclude: “Noi amiamo il nostro lavoro che ci permette di vivere a stretto contatto con il più cattivo predatore del mondo. Monitoriamo e studiamo il loro comportamento. Ascoltiamo il loro agghiacciante e sorprendente ruggito”.

To Top