Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Malawi, troppi elefanti: li traslocano con la gru FOTO

LIWONDE – Un trasferimento di massa degli elefanti, da due riserve sovraffollate a un santuario distante 300 km, è la soluzione individuata dal Malawi per salvare dal bracconaggio gli elefanti, la cui popolazione nel Paese è stata dimezzata negli ultimi vent’anni passando da 4mila a 2mila esemplari. Sono però ancora troppi gli esemplari presenti, e il loro numero influisce negativamente sull’ecosistema, spiega la Bbc in un servizio. “Vengono narcotizzati, issati su un camion con una gru e trasportati per chilometri in un‘area protetta per salvarli dal conflitto con l’uomo” aggiunge la ong ambientalista Africa Parks che ha iniziato i trasferimenti dal mese di agosto per terminarli entro il 2017.

In questo arco di tempo 500 elefanti, in piccoli gruppi, saranno fatti viaggiare fino alla Nkakota Wildlife Reserve, dove avranno a disposizione un’area riservata di 16mila ettari, protetta da 240 chilometri di recinzione elettrica.

L’operazione, dal costo di 1,6 milioni di dollari, prevede che gli elefanti siano addormentati con frecce lanciate da un elicottero, quindi sistemati su camion grazie all’ausilio di una gru e accompagnati fino alla nuova casa. La riserva ospiterà anche un altro migliaio di animali tra cui zebre, facoceri, impala e kudu.

E così, mentre gran parte del continente africano lotta per proteggere le specie di elefanti dall’estinzione, nel Parco Nazionale di Liwonde  vi sono esemplari che finiscono per nutrirsi delle colture dei campi ed essere attaccati dall’uomo. L’elefante è infatti un mammifero sostanzialmente inoffensivo, fino al momento in cui trova alberi da mangiare e sradicare. Se tutto questo entra in conflitto con le fattorie, nascono i problemi accentuati dal fatto che l’elefante ha una mole considerevole.

Immagine 1 di 7
  • elefanti malawi
Immagine 1 di 7

Initialize ads


PER SAPERNE DI PIU'