Blitz quotidiano
powered by aruba

Adolf Hitler, “lo aveva piccolo e deforme”. Libro racconta..

ROMA – Nuove verità su Adolf Hitler. Dopo le indiscrezioni sulla mancata discesa di un testicolo nel sacco scrotale (il criptorchidismo), ora si scopre che i suoi genitali sarebbero stati ancor più deformati.

Nel dettaglio, come dimostrerebbero le cartelle cliniche, si parla di ipospadia, una malformazione congenita il cui effetto è quello di avere un micro-pene. Inoltre la condizione è così grave che chi ne soffre deve urinare da un foro sotto il glande invece che dalla punta. Il dittatore nazista, insomma, lo avrebbe avuto piccolissimo. È quanto sostengono Jonathan Mayo ed Emma Craigie nel nuovo libro Hitler’s last day: minute by minute.

Anche Theodor Morell, suo medico personale e urologo qualificato, notò, descrive il Daily Mail, l’ipospadia di Hitler e ha sempre creduto che assumesse ormoni, anfetamine e cocaina per accrescere il desiderio e migliorare le prestazioni con Eva Braun, la sua partner.

Il criptorchidismo – ossia la mancata discesa del testicolo nella sacca scrotale nel corso dell’infanzia – era a destra e fu scoperto nel 1923, mentre Hitler era in prigione, dopo il fallito Putsch della Birreria, noto anche come Putsh di Monaco.

La canzone “The Colonel Bogey March“, nata all’inizio della Seconda Guerra Mondiale, pur mantenendo inalterata la musica, fu trasformata in “Hitler ha solo una palla” proprio per ridicolizzare il Fuhrer.

Nel libro si legge che, a causa delle condizioni fisiche, Hitler temeva di essere visto . Inoltre, come già era stato fatto in passato, si legano gli squilibri della sua personalità e la vocazione sanguinaria proprio al suo “status”, quello di ipodotato.

Immagine 1 di 8
  • "Hitler e Eva Braun non si uccisero: fuggirono in Argentina" 5
Immagine 1 di 8

 


PER SAPERNE DI PIU'